Client connessi in rete

Questo capitolo fornisce istruzioni per installare, configurare e amministrare il software client che permette di accedere dal computer di backup ai computer client Retrospect connessi in rete. Descrive anche le opzioni e i controlli disponibili per i client Retrospect. Inoltre, questo capitolo spiega come eseguire il backup di questi client e include informazioni e fogli di lavoro per configurare gruppi di lavoro di backup efficienti.

Panoramica sui client connessi in rete

Retrospect permette di utilizzare un singolo computer con un’unità di memorizzazione per eseguire il backup dei computer Windows, UNIX e Macintosh collegati in rete ed equipaggiati con il software client Retrospect.

L’amministratore dei backup installa il software client Retrospect su ciascuno dei computer client (detti semplicemente client). L’amministratore di backup utilizza l’applicazione Retrospect per connettere i client per l’utilizzo da parte del computer di backup. Dopo aver configurato i client, l’amministratore può creare e pianificare gli script usando i volumi del client come origine, come se i volumi fossero connessi direttamente al computer di backup.

Licenze Client

Retrospect lavorerà con tanti client quante sono le licenze client. Retrospect Single Server e Multi Server supportano un numero illimitato di client. Si possono aggiungere altre licenze per supportare più client desktop o portatili con Retrospect Desktop.

Retrospect Multi Server supporta server illimitati connessi come client. È possibile aggiungere licenze per supportare server client con Retrospect Single Server.

Il gestore licenze di Retrospect tiene traccia delle licenze client per mezzo dei codici di licenza immessi. I codici di licenza client sono inclusi con Retrospect e sono disponibili separatamente nei Client Retrospect. Quando si acquistano nuove licenze vengono forniti codici aggiuntivi.

  • Fare clic su Configurazione>Licenze per visualizzare le licenze correnti. Il contenitore Client di backup riepiloga il numero dei client utilizzati e disponibili ed elenca le licenze client che sono state aggiunte.
  • Per aggiungere una licenza client, fare clic sul pulsante Aggiungi e immettere il nuovo codice di licenza nella finestra di dialogo che appare.
  • Per acquistare licenze client aggiuntive, fare clic su Acquista.

Le licenze client vengono aggiunte automaticamente dal gestore delle licenze quando si connettono client precedentemente forniti su licenza su cui è attivo il software Client Retrospect versione 4.1 e precedenti.

Protezione

I client connessi a Internet sono a rischio di accesso non autorizzato, anche se leggero. Il programma di installazione del Client Retrospect chiede di assegnare delle password ai client (come spiegato a Scheda Generale) per evitare l’accesso da parte di utenti Internet che dispongono di Retrospect.

Installazione dei client

Tutti i computer client di cui si desidera eseguire il backup devono avere il software Client Retrospect installato. I seguenti argomenti includono i requisiti di sistema e le istruzioni di installazione per i client Windows, Mac OS, e UNIX.

Retrospect Client per Windows

  • Microsoft Windows 10/8/7/Vista/XP
  • Microsoft Windows Server 2012 R2/2012/2008/2003*
  • Microsoft Windows Server 2012 Essentials*
  • Microsoft Windows SBS 2011/2008/2003*
  • Microsoft Windows Storage Server 2008/2003*
  • Processore Pentium o versione successiva
  • RAM che soddisfa le linee guida Microsoft per ciascun sistema operativo

*Il backup dei client OS server richiede Retrospect Multi Server o un'altra edizione Server con le licenze client server disponibili.

Retrospect Client per Mac

  • Mac OS X o Mac OS X Server 10.6.8 o versione successiva, compreso OS X Yosemite 10.10
  • Processore Intel
  • RAM che soddisfa le linee guida Apple per ciascun sistema operativo

* Il backup dei client OS server richiede Retrospect Multi Server o un'altra edizione Server con le licenze client server disponibili.

Retrospect Client per Linux

  • Sistema basato su processore x86 o x64 con sistema operativo Red Hat Linux, Red Hat Enterprise Linux, CentOS, Debian, Ubuntu Server o SUSE Linux.
  • Versione glibc 2 o successiva

Installazione del software client Retrospect su computer Windows

Ci sono numerosi modi per installare il software client Retrospect sui computer Windows. Il metodo da scegliere dipende dal modo in cui i client si connetteranno al database dei client di backup di Retrospect. A seconda del numero di client disponibili e dell’edizione di Retrospect, è possibile connettere i client uno a uno, oppure connettere più client contemporaneamente.

Installazione dei client Windows per accesso singolo

Se si ha un piccolo numero di client o se si dispone di Retrospect Desktop, è possibile installare il client Retrospect per Windows utilizzando il CD di Retrospect o copiando i file del programma di installazione client su un’ubicazione di rete accessibile ai computer client. I singoli client si connettono al database dei client di backup di Retrospect utilizzando la password specificata durante l’installazione.

Utilizzare la seguente procedura per installare il software client su ogni computer Windows in rete, di cui si desidera effettuare il backup.

Per installare i client Windows per accesso singolo:

  1. In un ambiente Windows, collegarsi ai computer client con privilegi di amministratore.
  2. Salvare tutti i documenti di altre applicazioni in esecuzione.
  3. Inserire il CD di Retrospect nell’unità CD-ROM dei computer client.
  4. Fare clic sul pulsante Installa client Retrospect.
  5. Seguire le istruzioni della procedura guidata per installare il software client.
  6. Durante il processo di installazione, immettere una password da utilizzare per evitare accessi non autorizzati al client; non dimenticare la password.

Quando si riavvia il computer, il software client viene caricato automaticamente. Il client è ora pronto per l’accesso da parte del computer di backup, come descritto in Come lavorare con i client.

Per installare i client senza utilizzare il CD, copiare i file del programma di installazione client in un’ubicazione di rete. È possibile quindi accedere a questi file da ogni computer client e avviare setup.exe per installare il software. Con questo metodo, gli stessi utenti dei client Retrospect possono installare il software, purché ricordino di fornire la password del loro client all’amministratore dei backup.

Installazione dei client Windows per accessi multipli

Per sfruttare la capacità di Retrospect di connettere contemporaneamente più client Retrospect per Windows, oltre all’individuazione automatica e all’accesso dei nuovi client, è necessario avere Retrospect Single Server (Disk-to-Disk), Small Business Sever, Single Server o Multi Server. Inoltre, se si ha Microsoft Systems Management Server (SMS) o Criteri di gruppo, è possibile utilizzare queste tecnologie per distribuire il software del client.

Invece di utilizzare password diverse per i singoli client, l’accesso di client multipli utilizza un certificato a chiave privata (sul computer di backup di Retrospect) e un certificato a chiave pubblica (su ogni client Retrospect per Windows) per aggiungere i client al database dei client di backup di Retrospect. Queste chiavi vengono create in Retrospect, quindi si distribuisce la chiave pubblica dei client utilizzando una delle procedure descritte di seguito.

Per installare i client Windows per accessi multipli:

  1. Copiare i file del programma di installazione client in un’ubicazione di rete.
  2. Avviare Retrospect sul computer di backup.
  3. Scegliere Configurazione>Preferenze dalla barra di navigazione di Retrospect.
  4. Fare clic su Client>Aggiungi.
  5. Fare clic su Crea chiavi.
  6. Immettere e confermare una password per proteggere la chiave privata, quindi fare clic su OK.

    Retrospect crea due file, privkey.dat e pubkey.dat in C:\ProgramData\Retrospect\.

  7. Per una maggiore sicurezza, si dovrebbe utilizzare una password anche per proteggere Retrospect, oltre alla chiave privata. Vedere Preferenze di protezione.
  8. Copiare pubkey.dat nella cartella “public_key”, che si trova nella cartella del programma di installazione client sulla rete.
  9. Contattare gli utenti del client Retrospect per Windows e indicare loro di avviare setup.exe dalla cartella del programma di installazione client sulla rete.

    I client installati in questo modo possono essere aggiunti tutti insieme al database dei client di backup di Retrospect. Per ulteriori informazioni, vedere Aggiunta di client. Retrospect può anche essere impostato in modo da cercare regolarmente i nuovi client installati in questo modo e aggiungerli automaticamente al database dei client di backup. Per ulteriori informazioni, vedere Preferenze di aggiunta.

    Per distribuire il programma di installazione dei client Windows utilizzando SMS o Criteri di gruppo:

  1. Avviare Retrospect sul computer di backup.
  2. Scegliere Configurazione>Preferenze dalla barra di navigazione di Retrospect.
  3. Fare clic su Client>Aggiungi.
  4. Fare clic su Crea chiavi.
  5. Immettere e confermare una password per proteggere la chiave privata, quindi fare clic su OK.

    Retrospect crea due file, privkey.dat e pubkey.dat in C:\ProgramData\Retrospect\.

  6. Utilizzare Microsoft SMS o Criteri di gruppo per distribuire contemporaneamente i file Retrospect Client 16.5.msi and pubkey.dat su più client.
  7. Per utilizzare il file .msi, i computer client devono avere ISScript 9 e Windows Installer 2.0, entrambi inclusi nella cartella del programma di installazione client sul CD di Retrospect.

Istruzioni dettagliate sull’utilizzo di SMS e Criteri di gruppo esulano dall’ambito di questo manuale. Fare riferimento alla documentazione di quei prodotti per ulteriori informazioni sulla distribuzione e l’esecuzione dei programmi di installazione.

Installazione del software client su computer Mac OS

Utilizzare le seguenti procedure per installare il software client su ogni computer Macintosh di cui si desidera effettuare il backup nella rete.

Per l’installazione da un file server di molti client su una rete o per l’installazione su computer senza unità CD-ROM, è possibile creare una cartella condivisa su un server con il contenuto dell’applicazione Retrospect Clients Installer. Eseguire il programma di installazione da quella cartella invece che dal CD.

Per installare il software Retrospect Clients su un computer Mac OS:

  1. Salvare tutti i documenti non salvati e chiudere gli altri programmi applicativi in esecuzione.
  2. In ambiente Mac OS X, collegarsi ai computer client in modo da avere privilegi di amministratore.
  3. Inserire il CD di Retrospect nell’unità CD-ROM dei computer client.
  4. Fare doppio clic sull’icona del programma di installazione per avviare il programma.
  5. Seguire le istruzioni del programma di installazione per collocare il software client sul disco di avvio.
  6. Creare e immettere la password per evitare accessi non autorizzati al client; non dimenticare la password.
  7. Utilizzare solo caratteri alfanumerici di base (metà ASCII inferiore) nelle password per client Macintosh. I caratteri Macintosh della metà superiore non corrispondono ai caratteri estesi Windows. Ad esempio, Luf$Luf00 va bene, ma Lüf•Lüføø causerà problemi.
  8. Riavviare il computer.

Quando il computer viene avviato, carica automaticamente il software client. Il client è ora pronto per l’accesso da parte del computer di backup, come descritto in Come lavorare con i client.

Installazione del software client su computer UNIX

Utilizzare le seguenti procedure per installare il software client su ogni computer UNIX di cui si desidera effettuare il backup sulla rete. Scegliere il metodo preferito di installazione; tar. Dove le istruzioni dicono versione, usare il numero specifico di versione/build del software client Retrospect, come 16.5.103.

Per installare il software Client Retrospect su un computer UNIX:

  1. Salvare tutti i documenti di altre applicazioni in esecuzione.
  2. Collegarsi al computer client.
  3. Inserire il CD di Retrospect nell’unità CD-ROM dei computer client e selezionare l’ubicazione dei file di installazione del client.
  4. Immettere i seguenti comandi, secondo il proprio sistema operativo e l’installatore preferito.

    tar $tar -xf retroclient-version.tar, $.Install.sh

  5. Creare e immettere la password per evitare accessi non autorizzati al client; non dimenticare la password.

Quando l’installazione è completa, il software client viene eseguito automaticamente.

Il client è ora pronto per l’accesso da parte del computer di backup, come descritto in Come lavorare con i client.

Come lavorare con i client

Una volta installato il software Retrospect Client sul computer client, è possibile aggiungerlo al database Client di backup dal computer di backup e iniziare a utilizzarlo nelle operazioni immediate e automatizzate.

Funzionamento con i firewall

Quando si esegue il backup dei client di rete, Retrospect necessita di un accesso alla rete diverso da quello abilitato per impostazione predefinita sulla maggior parte dei firewall.

Retrospect utilizza la porta 497 per le comunicazioni sia TCP, sia UDP . Per trovare i client Retrospect e accedervi, il firewall deve essere impostato per permettere la comunicazione sulla porta 497 sia per TCP, sia per UDP su tutti i client Retrospect, come pure sul server di backup di Retrospect.

Se si utilizza il firewall di Windows XP SP2, Retrospect apre automaticamente queste porte se il firewall è abilitato quando viene installato Retrospect. Altrimenti, è necessario aprire manualmente le porte. Vedere la documentazione di Windows per informazioni sull’abilitazione delle eccezioni per il firewall.

Aggiunta di client

Prima di potere eseguire il backup di un computer client, è necessario aggiungerlo al database dei client di Retrospect. Di solito, è possibile aggiungere al database un solo client alla volta, ma in alcune circostanze è possibile aggiungere contemporaneamente più client e configurare Retrospect in modo che individui e aggiunga automaticamente i nuovi client sulla rete.

Requisiti per l’aggiunta contemporanea di più client:

  • Retrospect Single Server (Disk-to-Disk), Single-Server o Multi-Server
  • Client Retrospect per Windows
  • Client hanno installato con certificato a chiave pubblico (veder Installazione dei client Windows per accessi multipli)
  • Metodo di accesso ai client multicast o broadcast sottorete
  • Quando si aggiunge un client, il gestore licenze di Retrospect diminuisce la serie delle singole licenze client disponibili (se appropriato).

Per aggiungere un singolo client:

  1. Nella barra di spostamento, fare clic su Configurazione>Client.

    236

    Il database dei client di backup elenca tutti gli eventuali computer client attualmente connessi per l’utilizzo con Retrospect.

  2. Fare clic su Aggiungi per visualizzare la finestra di rete attiva.

    237

    Questa finestra visualizza tutti i computer di una specifica rete su cui è installato il software client di Retrospect. Per impostazione predefinita, Retrospect utilizza il suo metodo multicast Piton per cercare i client nella sottorete locale.

  3. Una sottorete è un gruppo di computer locali fisicamente collegati in rete senza router o gateway, sebbene possano utilizzare un gateway per collegarsi ad altre reti.
  4. Selezionare un client e fare clic su Aggiungi.
  5. Immettere la password del client e fare clic su OK.

    Dopo essersi connessi al client, appare la finestra delle proprietà del client. Vedere Configurazione dei client per informazioni sulle proprietà del client.

Per aggiungere più client:

  1. Nella barra di spostamento, fare clic su Configurazione>Client.

    238

    Il database dei client di backup elenca tutti gli eventuali computer client attualmente connessi per l’utilizzo con Retrospect.

  2. Fare clic su Aggiungi per visualizzare la finestra di rete attiva.

    239

    Questa finestra visualizza tutti i computer di una specifica rete su cui è installato il software client di Retrospect. Per impostazione predefinita, Retrospect utilizza il suo metodo multicast Piton per cercare i client nella sottorete locale.

  3. Una sottorete è un gruppo di computer locali fisicamente collegati in rete senza router o gateway, sebbene possano utilizzare un gateway per collegarsi ad altre reti.
  4. Selezionare tutti i client dell’elenco.

    Retrospect deseleziona automaticamente i client non Windows.

  5. Fare clic su Aggiungi.

Vengono aggiunti i client che hanno un certificato a chiave pubblica creato dal computer di backup di Retrospect. I client che hanno una password non vengono aggiunti. I client che hanno un certificato a chiave pubblica creato da un altro computer di backup di Retrospect non sono agginti.

Per individuare automaticamente i client con un certificato a chiave pubblica e aggiungerli al database dei client di backup, vedere Preferenze di aggiunta.

Test degli indirizzi di rete

È possibile utilizzare il pulsante Test della finestra di rete attiva per cercare un client che risponde a un indirizzo IP, DNS o WINS conosciuto.

Per eseguire il test di un indirizzo:

  1. Nella barra di spostamento, fare clic su Configurazione>Client.
  2. Fare clic su Aggiungi per visualizzare la finestra di rete attiva.
  3. Fare clic su Test.

    240

  4. Immettere un indirizzo IP, DNS o WINS e fare clic su OK.

Se il software client Retrospect si trova all’indirizzo specificato, Retrospect riporta il nome del client e la versione del software.

241

Se viene trovato un computer a quell’indirizzo ma non esegue il software client Retrospect, Retrospect segnala l’errore -541.

Se non vi è alcuna risposta TCP/IP dall’indirizzo specificato, Retrospect segnala l’errore -530.

Le funzioni di rete avanzate di Retrospect sono descritte nel Connessione avanzata in rete.

Configurazione dei client

Dopo aver eseguito l’accesso a un client, è necessario configurarlo. Se un client è già installato ma non connesso, è possibile selezionarlo nella finestra di rete attiva e fare clic sul pulsante Aggiungi per accedere al client e configurarlo. Se il client è già conosciuto ma è necessario riconfigurarne le impostazioni, è possibile selezionarlo nella finestra del database dei client e fare clic su Proprietà dalla barra degli strumenti.

La finestra delle proprietà del client è disposta su quattro schede.

Scheda Generale

La scheda Generale mostra varie informazioni sul client di backup e contiene un’opzione per proteggere i dati in rete.

242

Nome è il nome assegnato al client.

Tipo indica il sistema operativo usato dal computer client.

Versione è il numero di versione del software client installato sul computer client.

Priorità è l’impostazione della priorità che l’utente ha scelto nel pannello di controllo del client. Una priorità del 20% significa che l’utente ha spostato l’indicatore completamente su “Utente”, concedendo ad altre applicazioni e attività una parte del tempo di elaborazione del computer che sarebbe altrimenti utilizzato per le attività di Retrospect. Una priorità del 100% significa che l’indicatore della priorità del client è spostato completamente su “Backup”, assegnando alle attività del client (cioè al trasferimento dei file) tutto il tempo di elaborazione del software client allocato dal sistema operativo.

Sicurezza specifica la sicurezza dei dati per questo computer client.

  • Nessuno significa che nessuna password è stata installata e chiunque utilizzi Retrospect sulla rete può accedere a questo client.
  • Password significa che deve essere immessa una password per accedere a questo client.
  • Utilizza chiave privata/pubblica significa il client non richiede una password per la connessione. Vedere Installazione dei client Windows per accessi multipli per ulteriori informazioni.
  • Cifratura collegamento appare se il client ha una password e la casella di controllo Cifra collegamento di rete è selezionata. Questo significa che i dati da questo client vengono crittografati prima di essere inviati sulla rete. Non è possibile selezionare l’opzione Crittografia collegamento di rete se non si dispone di una password o di una chiave pubblica/privata.

Stato indica la disponibilità del client per backup e altre operazioni. Non connesso significa che Retrospect non ha ancora stabilito una comunicazione con il client. In uso significa che al client si accede attualmente. Connesso significa che il client è pronto e disponibile. Bloccato significa che l’utente di questa stazione di lavoro client ha spuntato la preferenza di accesso “Sola lettura” nel pannello di controllo del client. Del client può essere eseguito il backup, ma non è possibile eseguire il ripristino o cancellare file da esso. Occupato significa che al client si accede attualmente da un’altra copia di Retrospect sulla rete. Spento significa che l’utente di questo client ha fatto clic sul pulsante di scelta “Disattivato” nel pannello di controllo del client. Un client che è spento non è disponibile per le operazioni fino a quando non viene acceso manualmente o il computer client non è riavviato.

Tempo di eco è il ritardo, in secondi, rilevato nella comunicazione con questo client (di solito da 0,0 a 0,2). Se la rete o il client è occupato o si utilizzano dei router, il tempo di eco potrebbe essere probabilmente più alto senza che questo indichi un problema.

Velocità è la velocità di trasferimento del collegamento di rete fra il computer di backup e il computer client. Fare clic sul pulsante Aggiorna per aggiornare le informazioni sulla velocità.

Scostamento orologio è la differenza in ore:minuti:secondi fra gli orologi interni del computer client e il computer di backup.

Crittografa collegamento di rete, che è disattivata per impostazione predefinita, è disponibile solo se questo client utilizza una password. Quando la casella di controllo è spuntata, Retrospect protegge dalle intromissioni nella rete crittografando i dati trasferiti sulla rete, quindi li decrittografa prima di scriverli nel set di backup. (La crittografia del collegamento client è alquanto diversa dalla crittografia del set di backup.)

Scheda Accesso

La scheda Accesso riassume il metodo di accesso alla rete per questo client.

243

È possibile fare clic sul pulsante Cambia per accedere al client in una finestra di rete attiva speciale. Questo può essere necessario se il client si è spostato sulla rete o è stato reinstallato.

Scheda Strumenti

La scheda Strumenti elenca il nome del client, se ha una password, il suo scostamento di orologio (la differenza fra l’orologio del computer client e l’orologio del computer di backup) e il numero di versione del software client.

244

  • Per modificare il nome del client, fare clic su Rinomina. Una finestra di dialogo chiede quindi di immettere e confermare il nuovo nome.
  • Per aggiungere o modificare la password, fare clic su Imposta password. Una serie di finestre di dialogo chiede quindi di immettere e confermare la nuova password.
  • Per cambiare l’ora del computer client in modo che corrisponda a quella del computer di backup, fare clic su Sincronizza orologio, che non è disponibile quando il client permette solo l’accesso in lettura (vedere Preferenze per limitare l’accesso).
  • Per aggiornare la versione software del client, fare clic su Aggiorna. Una finestra di dialogo di selezione di file chiede quindi di individuare il software client Retrospect da utilizzare per l’aggiornamento. Vedere Per aggiornare un singolo computer client per istruzioni dettagliate.

Scheda Volumi

La scheda Volumi permette di specificare quali volumi del computer client sono accessibili da Retrospect sulla rete.

245

Origini client: L’impostazione della casella combinata influenza il modo in cui Retrospect risolve i contenitori client durante le operazioni. Di solito non è necessario modificarlo dall’impostazione predefinita Desktop del client.

  • Desktop del client si risolve in tutti i volumi locali del computer client, tranne dischetti, volumi condivisi (come i file server), volumi a sola lettura (come i CD-ROM) e volumi vuoti.
  • Volume di avvio risolve sul volume da cui il computer client è stato avviato.
  • Volumi selezionati si risolve in tutti i volumi selezionati nell’elenco dei volumi ricordati.

Volumi ricordati: elenca i volumi del client. Solo i volumi selezionati saranno disponibili per Retrospect durante le operazioni. La selezione determina quali volumi vengono visualizzati nella finestra Database volumi di Retrospect. Determina anche i volumi su cui il contenitore client si risolve quando la casella combinata Origini client è impostata a Volumi selezionati.

La tabella che segue usa l’esempio di un computer client con vari volumi montati. Mostra i volumi su cui il contenitore client si risolve, rispetto alla diversa impostazione Volumi a cui accedere.

Questi volumi su un computer client...

...con questa configurazione di origini client...

...si risolvono su questi volumi.

246

Desktop del client

ACME
Bolle
Contabilità

Volume di avvio

ACME

Volumi selezionati, con solo Bolle selezionato nell’elenco dei volumi ricordati

Bolle

Tralasciare un client

Dopo che è stato eseguito l’accesso a un client, può esserci un tempo in cui il client e i suoi volumi non sono più necessari. (Ad esempio, un computer non è più sulla rete.) In questo caso, è possibile dire a Retrospect di tralasciarlo, che è il contrario di accedervi.

Nella finestra del database dei client di backup, selezionare il client e fare clic sul pulsante Tralascia 247 dalla barra degli strumenti. Retrospect chiede di confermarlo. Facendo clic su OK, si rimuovono i volumi client dagli script e dagli altri elenchi di Retrospect. Questo influisce solo su Retrospect e sul computer di backup in uso al momento. Non influisce su altre copie di Retrospect in esecuzione su altri computer della rete, che rimangono connessi al client come al solito. Tralasciare un client non influenza i backup esistenti di quel client.

È possibile tenere premuto il tasto Maiusc o Ctrl facendo clic con il mouse per selezionare e tralasciare più client per volta.

Tralasciare un client rende disponibile un’altra licenza client nel gestore licenze (vedere
Licenze Client).

Aggiornamento dei client

Può accadere di dover aggiornare il software client più vecchio in modo da sfruttare i miglioramenti apportati a una versione più nuova. In quel momento, è possibile aggiornare i client dal computer di backup o dai singoli client.

Aggiornamento dei client dal computer di backup

È possibile aggiornare singoli client quando necessario, oppure aggiornare tutti i client di un dato tipo. Quando si aggiorna un client, esso mantiene tutte le impostazioni correnti.

È una buona idea aggiornare tutti i client anche se si sa che alcuni di loro sono spenti. È possibile ripetere più tardi questa operazione senza influire sui client che sono già aggiornati.

Per aggiornare tutti i client di un dato tipo

Nella barra di spostamento di Retrospect, fare clic su Configurazione, quindi su Client. Viene visualizzata la finestra del database dei client di backup, che elenca tutti i computer client attualmente connessi per l’utilizzo con Retrospect.

248

Fare clic sul pulsante Aggiorna client 249 dalla barra degli strumenti. Retrospect chiede di specificare l’ubicazione del file di aggiornamento del client Retrospect (.rcu). Vi sono diversi file di aggiornamento client per sistemi operativi differenti: uno ciascuno per Windows, Linux e Mac OS X. Sono disponibili diversi file di aggiornamento client in posti diversi come CD Retrospect e il Retrospect, Inc.sito Web Retrospect.

Selezionare il file di aggiornamento client appropriato e fare clic su Apri. Dopo la conferma, Retrospect inizia ad aggiornare il software client su tutti i computer client dello stesso tipo del file .rcu selezionato (ad esempio, Windows, ecc). Se si hanno vari tipi di client, ripetere questi passi per ciascun tipo.

Se un computer client ha un software di protezione virus installato, potrebbe chiedere conferma al computer client prima di permettere all’aggiornamento di continuare.

Quando l’aggiornamento è completato, Retrospect elenca i risultati in una finestra di dialogo e nel registro delle operazioni. Fare clic su OK.

Per confermare lo stato di ogni aggiornamento client, aprire il registro delle operazioni. (Per farlo, fare clic sulla scheda Rapporti nella barra di spostamento, quindi fare clic su Registro operazioni, o scegliere Registro dal menu Finestra.)

Per aggiornare un singolo computer client

Nella barra di spostamento di Retrospect, fare clic su Configurazione>Client. Viene visualizzata la finestra del database dei client di backup, che elenca tutti i computer client attualmente connessi per l’utilizzo con Retrospect.

Selezionare il client che si desidera aggiornare quindi fare clic sul pulsante Proprietà (o fare doppio clic sul client). Nella finestra di proprietà del client che appare, fare clic su Strumenti.

250

Fare clic sul pulsante Aggiorna. Appare una finestra di dialogo che chiede di specificare l’ubicazione del file di aggiornamento client Retrospect (.rcu).

Selezionare il file di aggiornamento client appropriato e fare clic su Apri. Quando l’aggiornamento è completato, viene visualizzata un’altra finestra di dialogo. Fare clic su OK.

Aggiornamento dei client dal computer client

Se non si desidera aggiornare i client dal computer di backup, come descritto precedentemente, è possibile farlo direttamente dai singoli computer client. Questa operazione viene eseguita con le applicazioni: Setup (Windows), Client Installer (Mac OS), gli installatori tar (Linux), che possono anche aggiornare i client.

Seguire le istruzioni per l’installazione (vedere Installazione dei client) adatte al sistema operativo del computer.

Disinstallazione di un client e del suo software

Nel caso si desideri rimuovere il software client da un computer, tralasciare il client come descritto nel Tralasciare un client e leggere le sezioni che seguono per ciascun tipo di client:

Windows

  1. Dal menu Start, scegliere Impostazioni>Pannello di controllo.
  2. Fare doppio clic su Aggiungi/Rimuovi programmi.
  3. Nella finestra che appare, selezionare il software Client Retrospect e fare clic su Modifica/Rimuovi.
  4. Fare clic su OK per chiudere la finestra.
  5. potrebbe essere necessario connettersi con privilegi di amministratore.

UNIX

Il processo per disinstallare il client UNIX varia a seconda di come il software del client è stato installato.

Per tar, rimuovere manualmente i file del software client installati da tar.

Mac OS X

  1. Aprire l’applicazione dell’installatore del client.
  2. Scegliere Disinstalla dal menu pop-up e selezionare il volume da cui disinstallare il software client di Retrospect.
  3. Fare clic sul pulsante Disinstalla per rimuovere il software client dal computer e al termine uscire dal programma.

Connessione avanzata in rete

Retrospect utilizza normalmente il metodo di accesso multicast per trovare i client di backup connessi direttamente al segmento di rete o alla sottorete locale e visualizzarli nella finestra di rete attiva. Se la rete ha dei router fra il computer di backup e i suoi client o se il computer di backup ha più schede di rete collegate a varie reti fisiche, sarà necessario utilizzare le tecniche più sofisticate di Retrospect di accesso ai client.

Retrospect Server Backup può utilizzare vari metodi per accedere ai client. Esso permette anche di controllare l’utilizzo delle schede di rete nel computer di backup.

Metodi di accesso

Retrospect può utilizzare i servizi di directory DNS e WINS standard, o il proprio servizio nomi Piton, basato su TCP/IP.

L’aggiunta di un client al database dei client Retrospect memorizza anche le informazioni di accesso per un utilizzo successivo. Quando Retrospect prova a collegarsi al client per un backup, scompone le informazioni di accesso nell’indirizzo IP corrente utilizzando il metodo di accesso originale.

Su ogni computer client, il software client Retrospect attende le query da parte di Retrospect sul computer di backup. Il modo in cui Retrospect prende contatto con i client dipende solo dal metodo di accesso utilizzato da Retrospect.

Multicast

Quando si apre la finestra di rete attiva per la prima volta, il metodo di accesso predefinito è multicast. Con questo metodo, Retrospect emette una richiesta multicast ai computer client riceventi, chiedendo a loro di rispondere con le loro identità. Dopo avere aggiunto un client con questo metodo, quando Retrospect prova più tardi a collegarsi al client per un backup, gestisce automaticamente le modifiche dell’indirizzo IP emettendo un’altra richiesta di aggiornamento del database dei client e di collegamento con il client corretto.

Se si utilizza un analizzatore di rete per controllare i pacchetti inviati con il metodo multicast, si noterà che Retrospect utilizza per le comunicazioni la porta riconosciuta 497. Il formato dei pacchetti è conforme al protocollo proprietario Retrospect protocol Piton (for PIpelined TransactiONs), che garantisce a Retrospect gran parte delle caratteristiche di velocità e affidabilità. Il servizio nomi Piton multicast utilizza l’indirizzo assegnato 224.1.0.38, che permette a Piton di indirizzare le sue query solo ai computer che eseguono il software client Retrospect.

L’accesso multicast è semplice e non richiede alcuna configurazione, ma non opera attraverso i router. Esso funziona solo nella sottorete locale.

Trasmissione sottorete

Il metodo di accesso trasmissione sottorete permette di accedere ai client potenzialmente attraverso qualsiasi topologia di rete, inclusa Internet.

Secondo gli standard TCP/IP, ogni sottorete ha sia un indirizzo di rete che una maschera di sottorete, come 192.168.6.0 e 255.255.255.0. I router utilizzano questi per identificare la rete fisica a cui sono collegati i computer. I router supportano anche le query a tutti i computer su una particolare sottorete. Retrospect sfrutta questa capacità per il suo metodo di accesso trasmissione sottorete, utilizzando lo stesso protocollo Piton come per l’accesso multicast.

Con il metodo di accesso di sottorete di Retrospect, è necessario definire l’indirizzo e la maschera di ogni sottorete che si desidera utilizzare e aggiornare queste configurazioni se la rete cambia.

Accesso diretto

È possibile utilizzare il metodo di accesso client diretto per aggiungere un client di backup specifico al database dei client di Retrospect. Questo metodo richiede di conoscere l’indirizzo IP o il nome DNS o WINS di ogni client di backup. Non utilizzare un indirizzo IP numerico per i computer che ottengono un indirizzo IP dinamico da un server DHCP, perché Retrospect non ha alcun modo per conoscere quando cambia l’indirizzo.

L’aggiunta di client per accesso diretto è molto utile per alcuni client; aggiungerne molti potrebbe essere noioso. Probabilmente uno degli altri metodi sarebbe migliore per aggiungere numerosi client.

Configurazione dei metodi di accesso

La prima volta che si apre la finestra di rete attiva, Retrospect cerca i client nella sottorete locale utilizzando il metodo di accesso multicast. Fare clic su Avanzate per accedere alle funzioni di rete avanzate. La finestra si espande con controlli per l’interfaccia e per il metodo di accesso in rete.

251

Metodo di accesso trasmissione sottorete

È possibile definire altre sottoreti nelle quali Retrospect cerca i client.

Fare clic su Trasmissione sottorete nella finestra di rete attiva per configurare una nuova sottorete in cui ricercare. La prima volta che si utilizza questa funzione, nessuna sottorete è configurata, quindi non è elencato alcun client. Fare clic sul pulsante Sottoreti. Per la prima volta, nessuna sottorete è configurata così non appare nulla nella finestra di configurazione.

252

Fare clic su Aggiungi e nella finestra di dialogo che appare, immettere un indirizzo IP all’interno della sottorete e immettere la sua maschera di sottorete. Fare clic su OK.

La sottorete IP definita viene visualizzata nella finestra di configurazione sottorete.

253

È possibile più tardi aggiungere, modificare o rimuovere sottoreti, se necessario.

Fare clic su OK per tornare alla finestra di rete attiva e visualizzare i client di backup trovati da Retrospect utilizzando il metodo di accesso trasmissione sottorete.

254

Quando si aggiunge un client con il metodo di accesso trasmissione sottorete, Retrospect sa di dover cercare quel client nelle sottoreti definite.

Retrospect accederà a ogni sottorete configurata quando cerca i client. Questo vale non solo quando questa finestra è aperta, ma anche quando Retrospect cerca un client in un’operazione.

È possibile definire e utilizzare interfacce (vedere Interfacce) per limitare il numero di sottoreti in cui cercare ogni client.

Metodo ad accesso diretto

Nella finestra di rete attiva avanzata, fare clic sul pulsante del metodo Accesso diretto. L’elenco dei client è sostituito con una casella di immissione per immettere l’indirizzo IP conosciuto o il nome DNS o WINS di un client.

255

Immettere il nome o l’indirizzo e fare clic su Aggiungi. Quando trova un client all’indirizzo specificato, Retrospect chiede la sua password prima di registrarlo nel database dei client.

Se Retrospect non riesce a connettersi al client a quell’indirizzo IP, vedere Problemi di configurazione client.

Dopo avere immesso la password corretta, Retrospect visualizza la finestra delle proprietà del client (descritta in Configurazione dei client).

Interfacce

La funzione di interfaccia di Retrospect permette di scegliere tra più adattatori di rete e controllare le opzioni per gruppi di client di backup. Ad esempio, un’interfaccia personalizzata permette il backup su client di varie sottoreti senza chiedere che i dati di backup attraversino il router, risparmiando ampiezza di banda sulla rete.

Retrospect ricorda l’interfaccia utilizzata per aggiungere un client al database dei client e utilizzerà le impostazioni dell’interfaccia per tutti gli accessi a quel client. È possibile modificare l’interfaccia utilizzata per un client dalla scheda Accesso nella finestra proprietà del client.

Per sfruttare un computer di backup con NIC multiple quando si eseguono più operazioni simultanee, assicurarsi che il backup dei client che utilizzano NIC #1 siano eseguiti su un set di backup e i client che utilizzano NIC #2 siano eseguiti su un set di backup diverso.

Quando un programma basato su TCP/IP come un browser Web avvia un collegamento TCP/IP, utilizza l’indirizzo IP “predefinito” del computer per identificarsi. Le interfacce Retrospect permettono di scegliere quale indirizzo utilizzare quando il computer ne ha più di uno.

Le interfacce permettono anche di raggruppare le opzioni avanzate. Ad esempio, se si desidera che un gruppo di client abbia valori di timeout diversi da un altro gruppo, è possibile creare due interfacce Retrospect separate che specificano lo stesso adattatore, ma hanno impostazioni di timeout diverse.

Configurazione delle interfacce

Nella barra di spostamento di Retrospect, fare clic su Configurazione>Client per andare alla finestra del database dei client di backup. Fare clic sul pulsante 256 nella barra degli strumenti della finestra per aprire la finestra delle interfacce.

257

La finestra delle interfacce elenca l’interfaccia predefinita e qualsiasi altra interfaccia aggiunta.

Aggiunta di un’interfaccia: Fare clic sul pulsante Nuovo, immettere un nome per la nuova interfaccia e fare clic su Nuovo. Da questo punto, modificare l’interfaccia come descritto di seguito.

Modifica di un’interfaccia: Selezionare un’interfaccia nell’elenco e fare clic sul pulsante Modifica.

Non modificare l’interfaccia predefinita fino a quando non si ha completa familiarità con le opzioni e con le loro ramificazioni.

258

È necessario selezionare prima un’interfaccia TCP/IP, di solito un adattatore di rete. Può utilizzare un indirizzo IP statico o assegnato dinamicamente da un server DHCP. L’interfaccia predefinita utilizza sempre l’indirizzo TCP/IP predefinito del computer e non è possibile modificarla.

Per ottenere prestazioni migliori, assicurarsi che Windows utilizzi la connessione di rete più veloce come impostazione predefinita.

Configurazione delle opzioni avanzate

Dala finestra delle interfacce, fare clic sul pulsante Avanzate per aprire la finestra Configurazione avanzata dell’interfaccia.

259

La categoria di opzioni Generale contiene le opzioni per i timeout di Retrospect.

260

Ritardo avviso tentativi di rete: Retrospect visualizza la finestra di dialogo del tentativo di rete quando un client non risponde nel periodo di tempo specificato.

Timeout cornessione: Retrospect termina un collegamento di rete stabilito con un client che non risponde nel periodo di tempo specificato. Retrospect termina il collegamento e segnala l’errore -519 (comunicazione di rete non riuscita). Lo stesso TCP/IP del sistema operativo potrebbe andare in timeout prima, causando l’errore -519 in meno tempo di quanto specificato dal timeout di collegamento generale. Considerare questo valore come il periodo di tempo massimo in cui Retrospect attenderà perché un client ripristini la comunicazione.

La categoria delle opzioni TCP/IP ha opzioni per connessione, elenco dinamico e multicast.

261

Intervallo polling di ricerca: Quando un client non è disponibile all’ultimo indirizzo conosciuto, Retrospect invia una query con questo intervallo.

Timeout ricerca: Retrospect termina la ricerca di un client conosciuto quando non può trovare il client nel periodo di tempo specificato.

Questo può essere ulteriormente limitato dalle opzioni di scansione degli script Proactive Backup (vedere Opzioni di polling di Proactive Backup).

262

Intervallo di polling in linea: Retrospect esegue una trasmissione sui client con questo intervallo quando esegue il polling dei client nella finestra di rete attiva. Se si sono configurate più sottoreti per l’interfaccia, Retrospect divide l’intervallo di scansione per il numero delle sottoreti definite.

Tralascia contatore: Retrospect rimuove un client dalla finestra di rete attiva quando non risponde al numero specificato di polling sequenziali. Questo non influisce su client già aggiunti ai client di backup database.

263

Durata multicast: Retrospect assegna questa durata ai pacchetti multicast UDP. È il numero massimo di salti di router che un pacchetto può fare prima che sia eliminato. Un aumento della durata permette a Retrospect di cercare i client su più sottoreti se è collegato tramite router con supporto IGMP. I router che non supportano IGMP non invieranno i pacchetti multicast UDP.

Nuovo software Retrospect Client

Il software Retrospect Client consente a singoli utenti di controllare aspetti del backup e ripristinare operazioni eseguite sui loro computer. Il software client è stato riprogettato per Windows e Mac OS. Le modifiche includono:

  • Un'interfaccia utente aggiornata con l'integrazione della barra delle applicazioni di Windows e della barra dei menu di Mac
  • Backup e ripristini avviati dall'utente
  • Pannelli delle preferenze meglio organizzati con opzioni ottimizzate
  • Crittografia potente dei collegamenti con standard AES-256

Nota: l'amministratore di sistema di Retrospect ha la possibilità di limitare l'accesso ad alcune di queste funzioni. Per ulteriori informazioni, vedere Blocco di funzioni e preferenze del client.

Backup e ripristini avviati dall'utente

Gli utenti hanno ora la possibilità di ripristinare i file e richiedere i backup direttamente dal loro desktop. Quando il software Retrospect Client è installato, è aggiunta un'icona Retrospect alla barra delle applicazioni di Windows e alla barra dei menu di Mac OS. Fare clic sull'icona per aprire un menu che è possibile utilizzare per avviare un'operazione di backup o ripristino.

addendum_rug-2.jpg
addendum_rug-3.jpg

Backup avviati dall'utente

Questo metodo di backup è la soluzione ottimale per proteggere rapidamente un file o una cartella specifici. Non intende essere un sostituto di backup regolari e non può essere utilizzato per eseguire un backup completo del sistema.

Per eseguire un backup avviato dall'utente:

  1. Fare clic sull'icona Retrospect nella barra delle applicazioni di Windows o nella barra dei menu di Mac OS.
  2. Selezionare Esegui il backup ora .
  3. Utilizzare la finestra di dialogo Esegui il backup di file e cartelle per selezionare gli elementi di cui eseguire il backup.
  4. Fare clic su Esegui il backup .

Note sui backup avviati dall'utente:

  • Le voci del menu Esegui il backup ora e Ripristina file sono inattive finché il computer client non effettua l'accesso a un server Retrospect in cui queste opzioni sono attivate.
  • Mac: Per impostazione predefinita, i file e le cartelle sono memorizzati in un Media Set scelto dall'amministratore di sistema nelle preferenze di Retrospect Client. Il Media Set è selezionato usando l'elenco pop-up Esegui il backup su richiesta su.
  • Windows: Per impostazione predefinita, i file e le cartelle sono memorizzati in un Set di backup scelto dall'amministratore di sistema nelle preferenze di Retrospect Client. Il Set di backup è selezionato utilizzando l'elenco pop-up Esegui il backup su richiesta su.

Ripristini avviati dall'utente

I ripristini possono essere avviati dalla barra dei menu o dalla barra delle applicazioni del computer client o, ancora, facendo clic sul pulsante Ripristina nella scheda Cronologia del pannello delle preferenze di Retrospect Client.

Per eseguire un ripristino avviato dall'utente:

  1. Fare clic sull'icona Retrospect nella barra dei menu o nella barra delle applicazioni del computer client.
  2. Selezionare Ripristina file .
  3. Nella finestra Ripristina file e cartelle, selezionare un backup dal menu che contiene i file che si desidera ripristinare.
  4. Retrospect recupererà quindi l'elenco dei file contenuti nel backup selezionato. Il caricamento dell'elenco potrebbe richiedere qualche istante.

  5. Selezionare i file da ripristinare.
  6. Fare clic su Ripristina .
  7. Se si è in procinto di ripristinare i file in una posizione già esistente, è visualizzata una finestra di dialogo di conferma.

  8. Per scegliere una posizione diversa, fare clic su Sfoglia . Per continuare, fare clic su Ripristina .

Preferenze client migliorate

Per aprire il pannello delle preferenze di Retrospect Client in Mac:

  • Fare clic sull'icona del menu Retrospect sulla barra dei menu. Selezionare Apri Preferenze client Retrospect.
  • Fare clic su Preferenze di sistema nel Dock. Fare clic sull'icona Retrospect Client.
  • Dal menu Apple, scegliere Preferenze di sistema. Fare clic sull'icona Retrospect Client.

Per aprire il pannello di controllo di Retrospect Client in Windows:

  • Fare clic su Start > Programmi (o Tutti i programmi) > Retrospect > Retrospect Client.
  • Dalla barra delle applicazioni di Windows, fare clic sull'icona Retrospect Client e selezionare Apri Preferenze client Retrospect.

Impostazione delle preferenze del client

Le preferenze sono raggruppate nelle seguenti categorie: Stato, Cronologia, Notifiche, Privacy e Pianificazione. Fare clic su uno dei pulsanti delle categorie per accedere alle impostazioni.

addendum_rug-4.jpg
addendum_rug-5.jpg

Preferenze Stato

  • Protetto da Retrospect Server : utilizzare questa opzione per disabilitare l'accesso al client dal computer di backup.
  • Nome client : qui sono visualizzati il nome e l'indirizzo IP del client utilizzato da Retrospect.
  • Area di Stato : qui sono visualizzate le informazioni sui backup più recenti e successivi. Se un backup è in esecuzione, è visualizzata una barra di avanzamento.

Preferenze Cronologia

  • Area Cronologia : qui sono elencati i backup basati su disco. In ogni riga, sono visualizzate informazioni sul backup e un pulsante Ripristina . Un'icona verde indica che il backup è stato completato correttamente. Un'icona gialla indica che si è verificato un problema con uno o più file nel backup. Un'icona rossa indica che il backup non è riuscito. Per avviare un'operazione di ripristino utilizzando uno di questi backup, fare clic sul pulsante Ripristina corrispondente.

Preferenze Notifiche

  • Notifica dopo backup : visualizza un messaggio dopo il completamento di un backup o di un'altra operazione.
  • Notifica se nessun backup presente tra N giorni : visualizza un messaggio se non è stato eseguito il backup del client entro il numero di giorni specificato nella casella di inserimento.
  • Comunica errori S.M.A.R.T. : richiede un backup immediato da Proactive Backup (se applicabile) quando Retrospect viene a conoscenza di errori sui volumi del disco rigido SMART del client. Per impostazione predefinita, questa funzione è disattivata.

Preferenze Privacy

  • Area Privacy : quest'area visualizza tutti i file e tutte le cartelle indicati come Privati. I file privati non sono visibili sul server Retrospect e non sono sottoposti a backup. Trascinare volumi, file o cartelle in questo pannello per contrassegnarli come Privati.
  • Pulsanti Aggiungi/Rimuovi : per aggiungere file o cartelle all'elenco Privacy, fare clic sul pulsante Aggiungi e selezionare i file e le cartelle che si desidera aggiungere. Per rimuovere un elemento dall'elenco, selezionarlo nell'area Escludi e fare clic sul pulsante Rimuovi .
  • Consenti a Retrospect di modificare i file sul mio sistema (obbligatorio per il ripristino) : quando questa opzione è deselezionata, è possibile eseguire il backup del client ma il computer di backup non può ripristinare, modificare o eliminare i file sul client. Per impostazione predefinita, questa funzione è attivata.

Preferenze Pianificazione

  • Ritarda backup proattivi fino a dopo [data e ora] : impedisce che il computer di backup esegua il backup del computer client prima della data e dell'ora specificate, fino a una settimana dal momento presente. Fare clic sulla data e sull'ora oppure sulle frecce per apportare modifiche.

Blocco di funzioni e preferenze del client

L'amministratore del sistema Retrospect ha la possibilità di impedire agli utenti di modificare alcune impostazioni del client. Ad esempio, si potrebbe impedire agli utenti di bloccare il backup dei loro computer.

Il flusso di lavoro più efficiente per un amministratore di sistema è definire un insieme di preferenze di blocco standard, quindi apportare le personalizzazioni eventualmente desiderate client per client. I passaggi riportati di seguito spiegano come eseguire questa operazione.

Per impostare le preferenze di blocco predefinite:

  1. I controlli di blocco si trovano nella console di Retrospect. Mac: Scegliere Retrospect > Preferenze e fare clic sulla scheda Client. Windows: Scegliere Configura > Preferenze > Consenti ai client di nella barra laterale della console di Retrospect.
  2. Nella sezione Consenti ai client di, modificare una o più delle seguenti preferenze:
    • Disattiva il software Client Retrospect : se selezionata, questa preferenza consente agli utenti di nascondere il proprio client dal server Retrospect. Tutte le comunicazioni fra il server e il client saranno interrotte. Eventuali backup pianificati per l'esecuzione mentre il client è spento saranno ignorati.
    • Interrompi l'esecuzione di backup : se selezionata, questa preferenza consente agli utenti client di interrompere le operazioni in corso.
    • Escludi degli elementi dai backup : se selezionata, questa preferenza consente agli utenti di contrassegnare file, cartelle e volumi come Privati, rendendoli invisibili a Retrospect.
    • Imposta solo accesso lettura : se selezionata, questa preferenza consente ai client di impedire a Retrospect di scrivere sui file nel loro computer o di eliminare gli stessi.
    • Esegui il backup su richiesta su : se selezionata, questa preferenza consente ai client di avviare backup su richiesta nel Set di backup selezionato. Fare clic su Seleziona set di backup... per scegliere un Set di backup.
    • Ripristina su richiesta : se selezionata, questa preferenza consente ai client di avviare ripristini su richiesta dai Set di backup disponibili.

Per personalizzare queste preferenze predefinite per un singolo client:

  1. Mac: Selezionare Sorgenti nella barra laterale della console di Retrospect. Windows: Selezionare Configura > Client nella barra laterale di Retrospect.
  2. Selezionare un client dall'elenco.
  3. Fare clic su Proprietà.
  4. Modificare le impostazioni delle preferenze come desiderato per questo client.

Backup dei client

Si esegue il backup di un volume client nello stesso modo in cui si eseguirebbe il backup di un volume direttamente collegato al computer di backup.

Quando si configura un backup immediato o con script, la finestra di selezione del volume per l’origine elenca i client disponibili sotto il contenitore Client di backup e i volumi client disponibili sotto i singoli contenitori client (vedere Contenitori).

275

Quando si configura un backup immediato o si crea uno script di backup vi sono vari modi per selezionare i client e i volumi dei client nella finestra di selezione del volume per le origini. È possibile selezionare un contenitore client, uno o più volumi specifici o il contenitore Client di backup. Si raccomanda di utilizzare contenitori client o il contenitore Client di backup. Questi sono i vantaggi di ciascun metodo.

La selezione del contenitore Client di backup seleziona tutti i singoli contenitori client (descritti sotto) connessi al momento del backup, tra cui i nuovi client che si aggiungono più tardi.

Scegliendo un contenitore client si scelgono i volumi determinati da un’impostazione di configurazione generale del client, spiegata in dettaglio in Scheda Volumi. L’utilizzo di un contenitore client è semplice ed esente da manutenzione, in quanto continua ad essere eseguito il backup dei volumi che sono stati rinominati, sostituiti o suddivisi senza intervento da parte dell’amministratore.

Selezionando i singoli volumi si selezionano solo quei volumi specifici, a differenza di contenitori. Retrospect continua a selezionare i volumi rinominati ma non si adatta automaticamente ai volumi nuovi, sostituiti o suddivisi. Quando la configurazione del client cambia, possono essere necessari per interventi. Questo modo di selezionare volumi è utile, ad esempio, quando non si desidera eseguire il backup di tutti i volumi su un particolare client. Per istruzioni dettagliate sulla scelta di volumi, vedere Come lavorare con i volumi.

La selezione delle cartelle o dei gruppi nello script seleziona qualunque volume e contenitore client che viene messo nella cartella o nei gruppi. Questo metodo semplifica la gestione degli script permettendo di controllare le origini da un unico punto, la finestra del database dei volumi, disponibile da Configurazione>Volumi. L’utilizzo delle cartelle nel contenitore del client di backup permette di organizzare meglio un grande numero di client. L’utilizzo dei gruppi permette di costruire elenchi di volumi e client di cui dovrebbe essere eseguito il backup insieme.

I client Retrospect per computer Windows che sono stati aggiunti al database dei client di backup, utilizzando il metodo a chiave pubblica/privata, sono raggruppati in una cartella chiamata “Client aggiunti in automatico” nel contenitore Client di backup. Abilitare la preferenza “Aggiungi client in automatico” di Retrospect e scegliere la cartella “Client aggiunti in automatico” come origine per uno script di backup; Retrospect aggiungerà automaticamente i nuovi client alla cartella e ne eseguirà il backup senza richiedere alcuna azione da parte dell’amministratore dei backup. Vedere Aggiunta di client per ulteriori informazioni, tra cui le limitazioni di questa funzionalità.

Come lavorare con i client Windows

Questa sezione include suggerimenti sull’utilizzo del client Windows, oltre alle informazioni sulle sue limitazioni.

Backup dello stato del sistema Windows

Retrospect esegue il backup dello stato di sistema di Windows quando è attiva la relativa opzione di Retrospect (vedere Opzioni di sistema Windows) e la cartella Windows è inclusa nei criteri di selezione dei file.

Controllare questa opzione nei backup perché lo stato di sistema è necessario per il ripristino di un intero computer Windows bloccato o danneggiato.

File esclusi

Retrospect esclude certi file dai backup e non visualizza questi file nei browser perché non si può o non si deve eseguirne il backup o il ripristino. I file sono i file di scambio della memoria virtuali attivi ( .Swp o .Par e Pagefile.Sys ) e alcuni file del software client.

File aperti

Se si ha un codice di licenza Open File Backup, si può eseguire il backup dei file aperti su computer client Windows.

Per eseguire il backup dei file aperti su un computer Windows, occorre avere un volume NTFS.

Se non si dispone di Open File Backup, ricordare di chiudere i documenti e le applicazioni che sono aperti sui computer client prima di avviare il backup.

Screen saver

Per ottenere le migliori prestazioni durante un backup, non utilizzare uno screen saver che esegue pesanti operazioni su un computer client Windows.

Funzionamento con i client os Macintosh

Questa sezione include suggerimenti sull’utilizzo del client UNIX, oltre alle informazioni sulle sue limitazioni. Retrospect include molte opzioni di esecuzione progettate specificatamente per i client Mac OS. Per ulteriori informazioni, vedere Opzioni per client Macintosh.

FileVault

Mac OS X 10.3 include una funzionalità chiamata FileVault. Quando FileVault è abilitato, l’intero contenuto della cartella Home viene crittografato e decrittografato al momento in un file sparseimage.

I file sparseimage cambiano costantemente, quindi ne verrà sempre eseguito il backup incrementale. Per questo, e per il fatto che i file possono divenire alquanto grandi e nella maggior parte dei casi non possono essere ripristinati correttamente, Retrospect, Inc. sconsiglia di abilitare FileVault sui client Mac OS X.

Se è necessario abilitare FileVault, si deve seguire una certa procedura per garantire che sia eseguito il backup di tutti i dati degli utenti e che questi siano disponibili per ripristino:

  • Assicurarsi che tutti gli utenti FileVault siano connessi
  • Scegliere i loro volumi come origini di backup

Se il computer client ha più account utente che hanno FileVault abilitato, tutti quegli utenti devono essere connessi.

276

Nell’esempio precedente, sono connessi gli utenti con un segno di spunta accanto al nome.

Quando sono connessi, le cartelle dei loro utenti vengono visualizzate nella finestra del database dei volumi di Retrospect come volumi client separati. Ad esempio, se l’utente FileVault Chester si connette, nella finestra del database dei volumi di Retrospect appare un nuovo volume chiamato “Chester”.

277

Nell’esempio precedente, benc e chester sono utenti FileVault sul computer locale.

Per assicurare che sia eseguito il backup dei dati di quell’utente, i volumi degli utenti FileVault devono essere selezionati come origini. Selezionando il volume del disco di avvio, il backup dei dati degli utenti non verrà eseguito correttamente. Selezionando il contenitore Client di backup o un client specifico, verranno selezionati anche i volumi FileVault che include.

Preferenza di disattivazione

Retrospect non può riattivare un client Mac OS in modalità risparmio energetico per eseguirne il backup. Assicurarsi che ogni preferenza di disattivazione del client OS Macintosh sia impostata in modo da non disattivare mai il computer.

Come operare con i client UNIX

Questa sezione include suggerimenti sull’utilizzo del client UNIX, oltre alle informazioni sulle sue limitazioni. Se si prevede di eseguire il backup di client UNIX, si dovrebbero conoscere queste limitazioni. Retrospect include molte opzioni di esecuzione progettate specificatamente per i client UNIX. Per ulteriori informazioni, vedere Opzioni per client UNIX.

File esclusi

Retrospect esclude alcuni file UNIX dai backup e non visualizza questi file nei browser perché non si può o non si deve eseguirne il backup o il ripristino.

Sono esclusi dal backup i seguenti tipi di file:

  • character device crw-------
  • block device brw-------
  • socket files srw-------
  • fifos prw-------
  • doors drw-------

Assegnazione di nomi ai file

Linux hanno nomi di file che fanno distinzione fra maiuscole e minuscole: questo significa che “myfile” e “Myfile” sono considerati file diversi. Windows e Mac OS hanno invece nomi di file che non fanno distinzione fra maiuscole e minuscole, quindi “myfile” e “Myfile” sono considerati come uno stesso file.

Se questi due file sono copiati da un client UNIX a un sistema Windows o Mac OS, essi verranno chiamati “myfile” e “Myfile-1”. Quando i file verranno di nuovo copiati su un computer UNIX, i loro nomi saranno “myfile” e “Myfile-1”.

  • Alcuni sistemi Mac OS supportano nomi di con distinzione fra maiuscole e minuscole, quindi copiano e ripristinano correttamente questi file.

Conversioni di file system

Retrospect permette di ripristinare e duplicare i dati tra computer che utilizzano sistemi operativi e file system diversi. Dato che nessuna coppia di file system supporta attributi e formati di file identici, copiare file da un file system a un altro porta talvolta alla perdita di informazioni.

Retrospect supporta le seguenti conversioni di file system senza perdita di dati:

  • Da FAT (Windows) a HFS (Macintosh)
  • Da FAT a NTFS (Windows)
  • Da HFS a NTFS
  • Da FAT ai file system UNIX
  • Da UNIX a HFS (solo Mac OS X)

Retrospect supporta le seguenti conversioni di file system con perdita di informazioni e/o dati estesi, come descritto:

  • Da HFS a FAT: Il data fork dei file HFS viene copiato; attributi, privilegi e resource fork non lo sono.
  • Da NTFS a FAT: Il primo flusso di dati viene copiato, ma tutte le autorizzazioni e altri dati NTFS non lo sono.
  • Da NTFS a HFS: I Servizi per dati Macintosh su un volume NTFS ripristinano o duplicano senza perdite su volumi Macintosh HFS. Copiando dati Windows NTFS su HFS il primo flusso di dati viene copiato, ma tutte le autorizzazioni e gli altri dati NTFS non lo sono.)
  • Da NTFS a UNIX: Perdita delle autorizzazioni e di altri dati NTFS.
  • Da UNIX a HFS (Mac OS 9.x): Perdita delle autorizzazioni sui file UNIX, degli attributi proprietario e gruppo e degli attributi speciali dei file (ad esempio, degli hard link).
  • Da UNIX a FAT: Perdita delle autorizzazioni sui file UNIX, degli attributi proprietario e gruppo e degli attributi speciali dei file (ad esempio, degli hard link).
  • I nomi di file Mac OS possono includere numerosi caratteri che Windows non consente nei propri nomi di file. Questi caratteri non validi sono /, \, :, *, “, <, e > . Quando ripristina o duplica file Macintosh su un volume Windows, Retrospect sostituisce ognuno di questi caratteri non consentiti con un trattino (-) .

Volumi di rete Microsoft

Se si desidera configurare backup non assistiti mediante Microsoft Networking invece che mediante il software client Retrospect, si deve eseguire Retrospect come utente con autorizzazioni per quei volumi. Vedere Preferenze di protezione per ulteriori informazioni.

Per aggiungere un volume di rete al database dei volumi, vedere Risorse di rete.

Retrospect non esegue il backup del registro quando si esegue il backup di un volume Microsoft Networking in questo modo. Installare il software client Retrospect sul computer e utilizzarlo come un client Retrospect per eseguire il backup del registro.

Indicazioni per il backup di rete

Questa sezione fornisce informazioni, consigli e fogli di lavoro per configurare un backup di gruppo di lavoro utilizzando Retrospect.

Di solito, gli stessi principi che si applicano ai singoli backup si applicano anche ai backup di rete dei computer client. La differenza principale fra un backup singolo e un backup di rete è la quantità di dati, che può superare la disponibilità di memoria di massa. Come conseguenza della quantità dei dati e della velocità spesso rallentata dei backup di rete, anche il tempo può imporre limitazioni. Se non è possibile eseguire il backup dell’intera rete in una sola notte, si potrebbe suddividere il backup in varie notti, eseguire il backup dei soli documenti o utilizzare gli script Proactive Client Backup.

Benché le informazioni di questa sezione possano essere applicate a qualsiasi rete locale, gli esempi presumono l’installazione di una rete Ethernet di base. Se la rete contiene dispositivi di collegamento fra reti (come router o gateway), a meno che uno o più membri del gruppo di lavoro siano separati dal resto della rete da un dispositivo di questo tipo, la maggior parte dei calcoli si applicherà ancora. I backup in esecuzione attraverso router o gateway aumentano il tempo impiegato per completare un backup.

Scelta del dispositivo di backup

Di solito la capacità del dispositivo di backup è la considerazione più importante per gruppi di backup automatici e non assistiti. La capacità di rete per eseguire il backup non è mai troppa. Più capacità significa quasi sempre il poter eseguire backup di più file da più volumi di computer client, allargare i criteri per la selezione dei file di cui eseguire il backup, aumentare il periodo di tempo tra i campi di supporto e aumentare il numero di sessioni di backup per singolo supporto.

Se il dispositivo di backup non è abbastanza grande, non si sarà in grado di completare un backup automatico e non assistito perché sarà necessario cambiare il supporto prima che il backup sia terminato.

Scelta del computer di backup

Questa sezione offre qualche consiglio su come selezionare il dispositivo di backup corretto e il computer di backup per soddisfare i backup di rete programmati.

Non è necessario utilizzare un file server come computer di backup. Vantaggi dell’utilizzo di un computer desktop o di un server come computer di backup. elenca diversi vantaggi per l’utilizzo di un computer desktop o di un server come computer di backup.

Benché il computer di backup possa essere potenzialmente qualsiasi modello compatibile Windows, si pensi di utilizzare un computer con potenza adeguata per eseguire i backup di rete. Ad esempio, se si esegue il backup di un piccolo numero di computer client con dischi rigidi di capacità piccola o media, un Pentium 400 MHz dovrebbe essere in grado di eseguire il lavoro. Tuttavia, se si esegue il backup di grandi file server e di numerosi computer client con migliaia di file, un Pentium IV sarebbe più adatto. Seguono alcune considerazioni.

Le prestazioni del computer di backup determinano spesso le prestazioni dell’intero sistema. Generalmente, un computer con prestazioni più elevate supporta il backup di rete di più dati da un numero maggiore di computer client.

M = J / L

La compressione e la crittografia del software aumentano significativamente l’utilizzo della CPU. Se si pensa di utilizzare una o di queste funzioni, scegliere un modello con una CPU più potente, come un Pentium IV.

Assicurarsi che il computer di backup abbia RAM sufficiente per gestire il volume di rete che contiene la maggior parte dei file. Più file si hanno, più RAM è necessaria.

Se il computer di backup non sta completando i backup nei periodi di tempo pianificati o si desidera che il backup dei volumi venga eseguito più spesso, potrebbe essere necessario un computer di backup più veloce, un dispositivo di backup più veloce o entrambi.

Per ulteriori informazioni, vedere Gestione delle risorse.

Crittografia e compressione

Retrospect fornisce una funzione di crittografia che permette di proteggere i dati dall’accesso non autorizzato dopo che viene eseguito il backup e una funzione di compressione che risparmia spazio sul dispositivo di backup comprimendo i dati memorizzati. La decisione di utilizzare una o entrambe queste funzioni può influire sul tipo di dispositivo di backup che si sceglie. Ricordare che la crittografia di Retrospect e compressione software possono rallentare un backup, specialmente quando utilizzano un computer con una CPU lenta. Un’unità a nastro che supporta la compressione eseguirà l’operazione di compressione essa stessa, poiché comprime i dati più rapidamente di Retrospect. Utilizzare la tabella seguente per determinare se utilizzare la compressione e la crittografia e se un’unità a nastro con compressione è appropriata per l’utilizzo come dispositivo di backup.

Caratteristica

Descrizione

Procedura

Implementazione

Compressione

Permette al dispositivo di backup di memorizzare più file sul supporto.

Trova elementi ripetuti nei dati; più ne trova, più grande è la compressione.

Se si ha un’unità con compressione, Retrospect lascia l’attività di compressione all’hardware poiché comprime dati più rapidamente di Retrospect.

Crittografia

Aggiunge sicurezza al backup.

Rende casuale l’aspetto dei dati per evitare l’accesso non autorizzato.

Retrospect gestisce sempre la crittografia.

Compressione con crittografia

Permette al dispositivo di backup di memorizzare più file sul supporto e aggiunge sicurezza al backup.

La compressione deve avere luogo prima della crittografia.

Retrospect deve eseguire entrambe le funzioni. Se si ha un’unità con compressione, è necessario scegliere fra l’utilizzo della crittografia o utilizzare la compressione hardware perché è impossibile utilizzarle entrambe. (Retrospect disabilita automaticamente la compressione hardware quando si utilizza la crittografia.)

Foglio di lavoro per la capacità del dispositivo

Utilizzare questo foglio di lavoro per valutare la minima capacità richiesta per un dispositivo di backup per il gruppo di lavoro. Il numero a cui si arriva per G è la capacità minima del supporto di backup per completare un backup non assistito senza dover cambiare il supporto.

Elemento

Descrizione

Quantità

A. Capacità totale del disco


definito dall’utente

Su una pagina separata, elencare i computer del gruppo di lavoro e la dimensione dei dischi (in megabyte) di ognuno.

Calcolare la somma e immetterla in A.

B. Ridondanza di dati stimata


definito dall’utente

Stimare quanti dati sono ridondanti, di cui Retrospect esegue il backup una sola volta. Se ognuno nel gruppo di lavoro utilizza le stesse applicazioni, dizionari, font, e così via, si potrebbe avere una ridondanza fino al 60% (0,6). Se la rete è media, immettere 0,3 per il 30%.

Immettere la valutazione della percentuale di ridondanza B, espressa in forma decimale.

C. Fattore di riduzione


C
= 1 - B

Sottrarre la quantità B da 1 per ottenere il fattore di riduzione dei dati. Ad esempio, se B è 0,3 il fattore di riduzione è 0,7
(poiché 1 - 0,3 = 0,7).

Calcolare la differenza e immetterla in C.

D. Dati ridotti


D
= AC

Per stimare la quantità effettiva di dati di cui è necessario eseguire il backup (prima di qualsiasi compressione) moltiplicare la capacità totale del disco (A) per il fattore di riduzione (C).

Calcolare il prodotto e immetterlo in D.

E. Compressione stimata


definito dall’utente

La percentuale di compressione dipende dai file. I file di testo si comprimono bene; i file di applicazione no. La massima compressione in cui è possibile sperare è il 50% (0,5). La compressione media prevista per i backup di rete è il 30% (0,3). Se non si prevede l’utilizzo della compressione, immettere 0.

Immettere la stima della percentuale di compressione E, espresso in forma decimale.

F. Fattore di compressione


F
= 1 - E

Sottrarre la compressione stimata (E) da 1 . Ad esempio, se E è
0,30 (30%) allora F è 0,70 (poiché 1 - 0,30 = 0,70).

Calcolare la differenza e immetterla in F.

G. Capacità di backup richiesta


G
= DF

Per ottenere la capacità minima del dispositivo di backup richiesta, moltiplicare la quantità di dati ridotti (D) del fattore di compressione (F).

Calcolare il prodotto e immetterlo in G.

Foglio di lavoro per la durata del backup

Una volta determinata la dimensione del dispositivo di backup, utilizzare il foglio di lavoro seguente per determinare il numero di ore che richiederà il backup di rete. Se il numero totale di ore è minore di dodici, probabilmente un backup di riciclo potrebbe essere completato in una singola notte. Se il numero totale di ore è maggiore di dodici, potrebbe essere necessario esaminare strategie alternative, come l’esecuzione dei backup di riciclo solo nei fine settimana o l’esecuzione del backup solo dei documenti e delle preferenze.

In sono suggerite strategie alternative Strategie di backup.

Elemento

Descrizione

Quantità

H. Requisiti di capacità per il backup


H
= D

In H, immettere il requisito di dati totale ridotto dalla voce D del foglio di lavoro per la capacità del dispositivo.

I. Moltiplicatore di verifica


definito dall’utente

Se non si prevede l’utilizzo della verifica, immettere 1 . Per una verifica completa, iniziare con 1 ,7, per la verifica supporti, iniziare con 1,2. Se si utilizza la compressione o la crittografia software, aumentarlo di un valore compreso fra 0, 1 e 0,5; più lento è il computer di backup, più alto deve essere il valore.

Immettere il moltiplicatore di verifica in I.

J. Trasmissione totale


J
= H I

Per ottenere la quantità totale dei dati trasmessi in rete, moltiplicare il requisito di capacità di backup (H) per il moltiplicatore di verifica (I).

Calcolare il prodotto e immetterlo in J.

K. Rendimento di rete


definito dall’utente

Le velocità di rendimento variano secondo il metodo di cablaggio della rete. Per 10BaseT, utilizzare 2400 MB all’ora; per 100BaseT, utilizzare 9600 MB all’ora.

Immettere il numero di megabyte all’ora in K.

L. Rendimento di rete adattato


L = K ( 1 - .05n)

Di solito, eseguire il backup attraverso i router riduce le prestazioni, quindi sottrarre il 5% per ogni router. (Utilizzare n come numero dei router.)

Calcolare la differenza e immetterla in L. Se non si utilizzano router o bridge, assegnare il valore K a L.

M. Ore richieste

Per determinare il numero totale di ore richieste perché il backup si completi dividere la trasmissione totale (J) per il rendimento di rete adattato (L).

Calcolare il risultato e immetterlo in M.