Problemi e soluzioni

Questa sezione offre soluzioni ai problemi che è possibile incontrare con Retrospect e i suoi client. Verrà fornita una guida generale alla risoluzione dei problemi, saranno fornite delle risposte alle domande più frequenti e saranno introdotte le tecniche per la risoluzione dei problemi usate dal Supporto Tecnico di Retrospect.

Risoluzione dei problemi include i problemi più comuni che si incontrano durante le operazioni di installazione, backup e ripristino e offre spiegazioni e soluzioni. Domande comuni presenta le domande più frequenti. Queste domande non implicano messaggi d’errore e sono più generiche della soluzione dei problemi. Messaggi di errore di Retrospect fornisce un elenco ordinato di numeri d’errore con spiegazioni dettagliate. Supporto per Retrospect presenta le tecniche di soluzione dei problemi e le procedure per ottenere aiuto.

Suggerimenti e informazioni aggiornate

Protezione di Retrospect

per evitare che versioni iOS e Mac non autorizzate di Retrospect accedano a Retrospect, si consiglia vivamente di impostare una password di accesso per il programma. Per impostare una password, accedere a Configura > Preferenze > Sicurezza.

Interruzione degli script

sulla barra degli strumenti di Retrospect è ora disponibile un pulsante che semplifica l'interruzione di tutte le operazioni attualmente in corso. L'icona di questo pulsante è stata modificata da un cerchio di colore rosso con una X in un simbolo di pausa. Quando si seleziona l'opzione per l'interruzione di tutte le operazioni, il pulsante lampeggia con il logo di Retrospect.

Backup delle informazioni di protezione dei file

quando si seleziona l'opzione "Backup delle informazioni di protezione dei file dai server" o "Backup delle informazioni di protezione dei file dalle stazioni di lavoro" Retrospect copia le informazioni di protezione NTFS per tutti i file di cui esegue il backup dai computer di origine. Se un file presenta nuove informazioni di protezione rispetto all'ultimo backup, ma è rimasto inalterato sotto tutti gli altri aspetti, Retrospect lo copia per intero, includendo le nuove informazioni di protezione. Se le autorizzazioni sono cambiate per più file nei computer di origine, il backup delle informazioni di protezione dei file può richiedere una notevole quantità di tempo e di spazio di storage, anche se si tratta di un backup progressivo incrementale.

Distribuzione efficace di Retrospect Client per Windows

il software client può essere distribuito facilmente su computer basati su Windows utilizzando Microsoft SMS, Criteri di gruppo di Active Directory o qualsiasi strumento di distribuzione del software.

Ripristino dinamico dei computer client UNIX

dopo avere eseguito un ripristino dinamico di un intero computer client UNIX, Retrospect visualizza il seguente messaggio di avviso: "Il volume / è stato ripristinato. Potrebbe essere necessario reinstallare il boot loader del client prima di riavviare il client". Se il computer client si blocca completamente dopo averlo riavviato, ricreare il boot loader e riavviare nuovamente il computer.

Backup della cartella Documenti

se si modifica la posizione di destinazione della cartella Documenti, i selettori di Retrospect che includono tale cartella, ad esempio Documents and Settings, non funzioneranno correttamente.

Recycle backup gestito da script

quando si esegue un recycle backup gestito da script su un nastro con il nome corretto, Retrospect genera una richiesta di supporto a meno che non sia selezionata la preferenza "Riutilizzo automatico supporto denominato". Fare clic su Configura > Preferenze, quindi selezionare le preferenze di Cancellazione supporto per specificare questa opzione.

Impossibile salvare i file sul desktop

a seconda dell'account da cui Retrospect viene eseguito, è possibile che non si sia in grado di salvare file (ad esempio, i selettori esportati) sul desktop. In questo caso, accedere manualmente alla cartella Desktop dell'utente desiderato, invece di utilizzare l'opzione Desktop di livello più alto.

L'utilità di avvio di Retrospect non riesce ad avviarsi

se ciò accade, accedere a Configura > Preferenze e andare alle preferenze Esecuzione Avvio. Deselezionare la casella di controllo "Attiva servizio Utilità di avvio Retrospect" e fare clic su OK. Tornare alle preferenze Esecuzione Avvio, selezionare la casella di controllo "Attiva servizio Utilità di avvio Retrospect" e fare clic su OK.

Risoluzione dei problemi

La maggior parte dei problemi che si incontrano durante l’uso di Retrospect possono essere suddivisi in alcune categorie generali. Retrospect ha definito per il Supporto Tecnico alcune procedure di base per la risoluzione dei problemi relativi a ognuna di queste categorie. Con un piccolo sforzo, è possibile apprendere come risolvere da soli molti problemi. Questa sezione delinea queste procedure e mostra i problemi più comuni e i relativi comportamenti da adottare.

La prima operazione da compiere quando si rileva un errore è assicurarsi che la versione di Retrospect sia aggiornata. Scegliere Aggiornamenti Retrospect dal menu della guida, quindi fare clic su Controlla adesso per controllare gli aggiornamenti disponibili per la versione corrente di Retrospect. Installare gli aggiornamenti più recenti per vedere se risolvono il problema.

Si raccomanda di prendere nota delle operazioni che si compiono per risolvere i problemi. Anche se non si riesce a risolvere un problema, prendendo nota delle operazioni eseguite, è possibile stabilire una modalità di comportamento per aiutare sia l’utente che il supporto tecnico a comprendere il problema. Se, dopo aver letto questa sezione, non si riesce a risolvere un problema, provare a utilizzare una delle altre risorse di supporto di Retrospect. Vedere Supporto per Retrospect.

Mappa per la risoluzione dei problemi

Il primo passo per risolvere un problema è isolare il problema per identificare esattamente quando e dove si verifica. Sapere quando si verifica un errore fornisce un punto di riferimento fisso per aiutare a risolverlo. Retrospect ha varie fasi di operazioni. Ad esempio, un backup include tipicamente, nell’ordine, fasi di scansione, confronto, copia e verifica. Se è possibile determinare se il problema si verifica durante il confronto, si è sulla strada per risolverlo.

Problemi di configurazione client

Un client nella sottorete locale o in un’altra sottorete configurata per Retrospect non appare nella finestra di rete di Retrospect o appare in modo discontinuo.

Utilizzare il pulsante Test nella finestra di rete attiva per vedere se il client è nella rete.

Aprire il pannello di controllo client Retrospect sul computer client e controllare se il software del client è stato caricato all’avvio e se è attivo. Verificare che sul campo dello stato sia visualizzata la scritta “Pronto” o “In attesa del primo accesso”.

Assicurarsi che il computer client sia connesso alla rete e che le impostazioni di rete siano corrette.

Se queste misure non dovessero funzionare, vedere Eseguire test e ping per verificare la comunicazione TCP/IP. Se il computer di backup e il client riescono a eseguire un “ping” e il client non appare ancora, la rete potrebbe non supportare completamente TCP/IP e UDP. L’hardware di rete passivo, come hub o bridge, potrebbe non inoltrare le informazioni di rete necessarie a Retrospect per funzionare con i client TCP/IP. Le funzioni di rete avanzate di Retrospect permettono di aggiungere direttamente un client con il suo nome DNS, il nome WINS o l’indirizzo IP (vedere Accesso diretto) e possono aggirare i problemi, permettendo di lavorare con un client.

Dopo aver compiuto le operazioni necessarie, è possibile collegarsi al client.

Se il client è dotato di più schede Ethernet, anche questo fatto potrebbe dare origine al problema. Per ulteriori informazioni, vedere “Troubleshooting multiple Ethernet cards on a Client Retrospect running Windows” nella Knowledgebase Retrospect ( www.retrospect.com/it/knowledgebase) .

Un client fuori dalla sottorete locale non appare nella finestra di rete attiva di Retrospect.

La finestra di rete mostra solo i client che Retrospect trova in una rete specifica con un modo specifico di ricerca dei client.

Retrospect Desktop può accedere solo ai client connessi alla sottorete locale del computer di backup. Retrospect Single Server e Multi Server possono accedere direttamente ai client ovunque nella rete utilizzando un indirizzo IP, un nome DNS o un nome WINS. Può inoltre accedere ai client su ogni segmento di rete definito dall’utente. Vedere Connessione avanzata in rete.

Se il client è dotato di più schede Ethernet, anche questo fatto potrebbe aver dato origine al problema. Per ulteriori informazioni, vedere “Troubleshooting multiple Ethernet cards on a Client Retrospect running Windows” nella Knowledgebase Retrospect ( www.retrospect.com/it/knowledgebase) .

Vedere anche -530 (client di backup non trovato) e -541 (client di backup non installato o non in esecuzione).

Il metodo avanzato di accesso diretto alla rete non riesce a connettersi con il client all’indirizzo o nome specificati.

Assicurarsi che il computer client sia connesso alla rete e che le impostazioni di rete siano corrette.

Aprire il pannello di controllo client Retrospect sul computer client e controllare se il software del client è stato caricato all’avvio e se è attivo. Verificare che sul campo dello stato sia visualizzata la scritta “Pronto” o “In attesa del primo accesso”.

Assicurarsi che l’indirizzo IP che si sta utilizzando sia quello attuale. Se il client utilizza un indirizzo IP dinamico, il suo indirizzo potrebbe essere cambiato. Non è opportuno aggiungere direttamente un indirizzo dinamico a meno che non abbia un utilizzo a lunga scadenza. Usare invece il metodo di accesso broadcast sottorete.

Se si sta utilizzando il nome DNS o WINS del client provare a utilizzare il suo indirizzo IP.

Eseguire un ping sui computer per controllare se stanno comunicando correttamente per via TCP/IP. Vedere Eseguire test e ping per verificare la comunicazione TCP/IP.

Potrebbe esserci un firewall fra la rete del client e quella del computer di backup, tale da limitare l’accesso dall’esterno. Ad esempio, Windows XP con Service Pack 2 attiva il firewall per impostazione predefinita. Vedere nella Knowledgebase di Retrospect ( www.retrospect.com/it/knowledgebase) per informazioni sulla creazione di un’eccezione firewall per Retrospect e il client Retrospect .

Il metodo avanzato di accesso diretto alla rete ha aggiunto un client errato.

Assicurarsi che l’indirizzo IP che si sta utilizzando sia quello attuale. Se il client utilizza l’indirizzo IP dinamico (ad esempio, DHCP), il suo indirizzo IP potrebbe essere cambiato. Usare invece il metodo di accesso broadcast sottorete. Vedere anche Domande comuni.

Autorizzazioni file/cartelle client Mac OS X e ACL (elenchi di controllo di accesso)

prima di eseguire il ripristino o la duplicazione su un volume di un client Mac OS X e se si desidera mantenere gli elenchi ACL modificati o le autorizzazioni dell'origine, è necessario preparare opportunamente il volume. In Ottieni informazioni del Finder per il volume, assicurarsi che la casella di controllo "Ignora proprietà su questo volume" sia deselezionata e, se necessario, attivare gli ACL sul volume.

Problemi con i backup

I backup immediati e quelli basati su script sono diversi nel modo in cui vengono iniziati e per le azioni che compiono una volta terminati. Tuttavia, entrambi seguono la stessa procedura dopo l’avvio: scansione, corrispondenza, richiesta di supporti, copia, confronto e quindi chiusura.

Retrospect fallisce l’avvio automatico quando uno script pianificato è in attesa di esecuzione.

Questo può verificarsi per alcuni motivi:

  • Confusione sulla data di inizio: La data in cui ci si aspetta l’esecuzione di uno script potrebbe non essere la data iniziale effettiva. Vedere Elementi comuni delle utilità di pianificazione.
  • Script incorrettamente pianificato: Controllare la lista delle future operazioni gestite da script per confermare che Retrospect abbia la stessa pianificazione prevista per l’esecuzione degli script. Per farlo, fare clic su Monitor attività>Pianificate. Controllare che non sia impostata una pianificazione limitata dei tempi di esecuzione possibili con la preferenza Pianificazione (Preferenze di pianificazione).
  • Preferenza di avvio automatico non attiva: Controllare che la preferenza per l’esecuzione non assistita sia attivata (vedere Preferenze di avvio).

Retrospect si blocca durante l’avvio.

Il file Config77.dat potrebbe essere danneggiato. Spostarlo (insieme a qualsiasi altro file di configurazione, “config**.***”) fuori dalla cartella di livello superiore e ritentare l’avvio. Se questo risolve il problema, spostare nel cestino il file di configurazione sospetto. (Retrospect crea un nuovo file di configurazione utilizzando le impostazioni predefinite.) Se non si intende ricreare gli script e le impostazioni e ricollegarsi ai client, è possibile rinominare il file Config77.bak in Config77.dat o ripristinare una versione recente del file Config77.dat da un backup.

I file Config77.dat e Config77.bak si possono trovare nella cartella in cui risiede l’applicazione Retrospect, oppure in ../Documents and Settings/All Users/Application Data/Retrospect .

Retrospect riporta un errore durante la scansione o il confronto.

Potrebbe esserci un problema con il volume del quale si sta eseguendo la scansione. In questo caso, Retrospect notifica un errore specifico nel registro delle operazioni.

Consultare il numero di errore in Messaggi di errore di Retrospect.

Un’unità rimovibile non appare nella finestra del database dei volumi o nella finestra di richiesta del supporto.

I dischi rimovibili (come DVD-RAM o MO) devono essere accessibili da Esplora risorse per mezzo di una lettera di unità.

Un’unità a nastro o un’unità CD/DVD non appare nella finestra del dispositivo di memorizzazione o nella finestra di richiesta del supporto.

Andare a Configura>Dispositivi e fare clic sulla scheda Ambiente. Se il nome del driver elencato per il dispositivo non appare in grassetto, significa che un altro software ha caricato un driver inappropriato, impedendo a Retrospect di utilizzare il proprio driver. Determinare quale altro driver di dispositivo è caricato e disattivarlo.

Tutti i dispositivi dovrebbero essere connessi prima dell’avvio di Retrospect. Verificare che l’unità sia correttamente collegata e terminata, quindi controllare che sia accesa. Se vi sono altre periferiche spente sul bus di comunicazione, accenderle e riavviare. Utilizzare la scheda Ambiente di Retrospect (da Configura>Dispositivi) per controllare le impostazioni degli ID. Se si tratta di un dispositivo SCSI, verificare che abbia un ID SCSI univoco.

Sui sistemi Windows, Retrospect utilizza NT Passthrough per impostazione predefinita. Quando invece si utilizza ASPI, se il driver ATAPI miniport è disabilitato, Retrospect non vedrà il bus ATAPI. È necessario abilitare il driver miniport modificando la chiave di registro sul percorso:

\\HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\Aspi32\Parameters

Impostare il valore ExcludeMiniports a nullo, in modo che Retrospect veda tutti i bus.

Se si ha un nuovo modello di unità, potrebbe non essere supportato dalla versione di Retrospect utilizzata. Per scoprire se per l’unità è richiesta una versione più recente di Retrospect, fare riferimento al sito Web di Retrospect .

Retrospect notifica “Impossibile utilizzare l’unità perché non ha una lettera di unità assegnata” per un’unità CD/DVD che ha una lettera assegnata.

Sotto Windows, se il driver miniport ATAPI è disabilitato, Retrospect notifica che l’unità non ha una lettera assegnata.

È necessario attivare il driver miniport modificando la chiave del registro al percorso:

\\HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\Aspi32\Parameters

Impostare il valore ExcludeMiniports a nullo, in modo che Retrospect veda tutti i bus.

Retrospect non può utilizzare il disco o il nastro inserito perché è “occupato”.

Possono esserci varie cause possibili.

  • Il catalogo dei dischi del set di backup è stato salvato su un disco che fa parte del set di backup. I cataloghi devono essere salvati su volumi diversi. Spostare il catalogo sul disco rigido e fare doppio clic su di esso per fare in modo che Retrospect lo riconosca.
  • Si sta usando il disco sia come origine che come destinazione, il che è illogico e non permesso. Ad esempio, si sta provando ad eseguire il backup del volume 2-Dunsinane sul set di backup Dunsinane, di cui 2-Dunsinane è un membro.
  • Qualche altro software potrebbe creare o utilizzare file (che potrebbero essere invisibili) sul disco di backup. I programmi più sospetti potrebbero essere i programmi di compressione; consultare l’ultimo file “Leggimi” per conoscere in conflitti e gli espedienti per evitarli.
  • L’unità potrebbe non funzionare correttamente. Contattare il rivenditore dell’unità per assistenza.
  • Il supporto è probabilmente danneggiato. Designarli come mancanti e usare un nuovo supporto.

Retrospect rifiuta di utilizzare il supporto inserito.

Retrospect ha un sistema per riconoscere i supporti e aggiungerli ai set di backup. Se Retrospect non sta utilizzando automaticamente il nastro o il disco che dovrebbe, leggere con attenzione il testo che appare nella finestra di richiesta del supporto. Esso spiega quale supporto è richiesto da Retrospect.

È possibile che non si sia inserito il supporto esatto richiesto da Retrospect. Controllare che il nome del supporto che si inserisce corrisponda esattamente al nome richiesto. Se il nome è lo stesso e Retrospect non procede con l’operazione quando si inserisce il supporto, probabilmente si hanno due supporti con lo stesso nome e si inserisce quello sbagliato. Questo può verificarsi se si cambiano i supporti mentre si esegue un backup di riciclo di un particolare set di backup.

Attivare la preferenza “Riutilizza automaticamente supporti denominati” per evitare questo scenario. Vedere Preferenza di cancellazione.

Retrospect potrebbe richiedere nuovi supporti. Inserire il nastro o disco che si desidera venga utilizzato da Retrospect e attendere che appaia nella finestra, oppure fare clic su Aggiungi per usare lo spazio disponibile sul disco rigido e quindi fare clic su Prosegui. Retrospect non utilizzerà dei supporti che fanno parte di un set di backup noto, come dettagliato di seguito. Utilizzerà automaticamente qualsiasi supporto cancellato o con un nome corretto.

Retrospect richiede un nuovo supporto, ma poi visualizza la seguente comunicazione: “È impossibile utilizzare ‘1-Birnam Wood’, appartiene già a un set di backup!”

Questa è una funzione progettata per evitare la cancellatura accidentale. Se si è sicuri di voler cancellare questo supporto e utilizzarlo per il backup in corso, fare clic su Cancella dalla barra degli strumenti, quindi fare clic su Prosegui se necessario. La cancellazione del supporto rimuove la voce di questo membro dal set di backup a cui precedentemente apparteneva.

Retrospect richiede un particolare supporto, ma quindi riferisce “’2-Dunsinane’ non è un membro di questo set di backup. Nonostante abbia un nome corretto, ha una data di creazione diversa”.

Questo significa che sono presenti più supporti con lo stesso nome. Questo può verificarsi se si esegue un backup di riciclo su nuovi supporti e più tardi si prova a eseguire un backup normale con supporti vecchi. Se possibile, individuare l’esatto nastro, disco o CD/DVD da ripristinare.

Provare altri supporti per vedere se uno di loro corrisponde al catalogo che si utilizza.

Se si è sicuri che questo supporto ha i file desiderati, ricostruirne il catalogo. Fare clic su Strumenti>Riparazione catalogo e selezionare la funzione di riparazione appropriata per ricreare il catalogo. Vedere Ricostruzione di un catalogo.

Retrospect richiede un particolare supporto, ma questo non è disponibile.

Se si conosce la sua ubicazione, ma non è disponibile al momento ed è necessario eseguire un backup, seguire queste istruzioni. Fare clic su Scelte, quindi fare clic su Ignora. Retrospect tratta il membro richiesto come se fosse pieno ed esegue un backup incrementale su un nuovo supporto. Non viene ripetuto il backup dei file di cui è stato precedentemente eseguito il backup sul membro richiesto. I backup futuri richiederanno il nuovo membro e sarà necessario utilizzare più tardi entrambi i membri per un eventuale ripristino.

Se si fa clic su Ignora, non sarà possibile sfruttare l’eventuale spazio che resta libero sul membro ignorato.

Se si sa che è perso, danneggiato o cancellato, seguire queste istruzioni. Se questo è il primo membro del set di backup, è più facile avviare un nuovo set di backup o avviare un backup di riciclo su questo set di backup. In entrambi i casi, Retrospect richiede un nuovo supporto, che diventa il primo membro del nuovo set di backup. Se questo non è il primo membro e si desidera continuare il backup incrementale sui membri disponibili, fare clic sul pulsante Scelte e quindi fare clic su Mancante. Retrospect inizierà il backup su un nuovo supporto. I file di cui è stato eseguito il backup nel membro mancante verranno copiati nuovamente, se possibile, durante il successivo backup incrementale.

Retrospect riferisce un errore di catalogo fuori sincronizzazione all’inizio del backup.

Aggiornare il catalogo dai supporti.

Vedere Aggiornamento di un catalogo.

Retrospect riporta un errore di checksum.

Se l’errore si verifica solo con un particolare set di backup, ripararne il catalogo e provare di nuovo.

Vedere Aggiornamento di un catalogo.

Retrospect indica errori di verifica.

Retrospect segnala diversi tipi di errori a seconda del tipo di verifica utilizzato.

Verifica completa confronta i file sul supporto di destinazione con i file di origine. Se Retrospect riferisce “diversa modifica di data/ora...” per un particolare file, la spiegazione più probabile è che il file sia stato modificato durante il backup. In questo caso, non si deve eseguire alcuna operazione. Quando si riesegue il backup, Retrospect copierà di nuovo il file.

Errori come “File ... confronto non eseguito all’offset...” indicano generalmente un problema con la porta di comunicazione (ad esempio, SCSI o ATAPI). Eseguire di nuovo il backup per ricopiare il file.

Notare, comunque, che questi messaggi di errore “offset” si riferiscono generalmente a problemi di danneggiamento dei dati che non bisognerebbe ignorare. Se l’errore si verifica con tutte le origini o molte di esse, inclusi i client, o con un’origine connessa al computer di backup, risolvere i problemi relativi alla sua porta di comunicazione. Se l’errore si verifica solo su una particolare origine di cui si esegue il backup nella rete, risolvere i problemi relativi alla porta di comunicazione di quel computer e possibilmente la connessione in rete del computer.

Vedere Problemi con i dispositivi FireWire e USB, Problemi SCSI e Tecniche di risoluzione dei problemi di rete. Si consideri di utilizzare un software diagnostico sui volumi interessati.

Verifica supporti confronta i digest MD5 dei file sul supporto di destinazione con i digest MD5 generati durante la copia i file dall’origine.

Quando Retrospect rileva che i digest MD5 non coincidono, questo indica di solito un problema con il supporto di destinazione (ad esempio, il supporto è danneggiato o i dati sono stati scritti su un settore non valido del disco). Controllare eventuali problemi nei supporti del set di backup. Se non è possibile risolvere i problemi, è consigliabile eseguire il backup su un nuovo supporto. File che generano errori durante la verifica dei supporti, per definizione, non corrispondono a quelli nel set di backup di destinazione. Essi saranno quindi copiati sulla destinazione durante il successivo backup.

In alcune circostanze, Retrospect non ha accesso si digest MD5 generati durante il backup. Questo vale per tutti i backup creati con le versioni di Retrospect precedenti Retrospect 16.5 e per tutti i backup che sono stati eseguiti quando la preferenza di Retrospect “Genera digest MD5 durante le operazioni di backup” era disattivata. Per ulteriori informazioni, vedere Preferenze di verifica. In questi casi, Retrospect controlla comunque tutti i file che si trovano nei supporti del set di backup per assicurarsi che siano leggibili.

Quando termina l’esecuzione di un’operazione, Retrospect non esce, non si scollega, non si riavvia né si chiude secondo la preferenza Automatica.

Retrospect esce, si disconnette, si riavvia o si chiude quando termina solo se esegue un’operazione in modo incustodito e nessuna operazione aggiuntiva è fissata entro il periodo di previsione (vedere Preferenze di pianificazione).

Retrospect entra automaticamente in modalità interattiva quando si inizia un’operazione immediata e in modalità automatica quando si avvia uno script. Mentre Retrospect sta copiando, utilizzare il menu Controllo per commutare le modalità.

Retrospect non esegue il backup di un particolare volume del client.

Controllare che lo script di backup includa il volume come origine.

Assicurarsi che il volume del client non sia definito come privato (vedere Preferenze per limitare l’accesso).

Assicurarsi che il volume del client sia installato per l’uso con il computer client. (Sotto Mac OS, l’icona del volume è sul Desktop; sotto Windows, la lettera dell’unità è accessibile.)

Usare il contenitore client come origine, piuttosto che volumi specifici del client, per selezionare tutti i volumi connessi al client. Passare a Configurazione>Client, visualizzare le proprietà del client in questione, fare clic sulla scheda Volume della finestra delle proprietà e selezionare Desktop client dalla casella di riepilogo.

Per ulteriori informazioni sull’utilizzo dei contenitori client, vedere Configurazione dei client.

Il client si blocca durante il backup.

Hardware di rete difettoso, un virus o un conflitto software possono fare in modo che il client si blocchi. Utilizzare programmi di utilità diagnostici per cercare virus o problemi sul disco rigido.

Problemi con Proactive Backup

Proactive Backup indica “supporti”, ma c’è un supporto nell’unità.

Proactive Backup comunica che è necessario un membro specifico per eseguire il backup di un’origine. Per determinare quale set di backup ha bisogno di più supporti, fare clic sulla scheda Set di backup nella finestra di stato di Proactive Backup e cercare qualsiasi set di backup con uno stato che visualizzi “supporti”.

Se non si è mai eseguito il backup sul set di backup che necessita di backup, Retrospect accetta qualsiasi supporto nuovo o cancellato. Fermare Proactive Backup, utilizzare Configurazione> Dispositivi per cancellare il supporto che si desidera utilizzare, quindi riavviare Proactive Backup.

Se non si riesce a determinare perché Proactive Backup non accetta il supporto, avviare un backup per quel set di backup utilizzando Backup> Backup. Retrospect visualizza una finestra in cui è possibile dare un nome al supporto richiesto.

Retrospect non esce quando Proactive Backup completa i suoi backup.

Proactive Backup è ottimizzato per essere eseguito continuamente. Se si hanno altri tipi di script, essi partiranno nei tempi fissati sebbene Proactive Backup sia ancora in esecuzione.

Se si pianifica Proactive Backup in modo che sia eseguito solo in un dato intervallo di tempo (ad esempio, tutti i giorni dalle 7:00 alle 19:00), è possibile uscire da Retrospect dopo il tempo di arresto senza influire su Proactive Backup. Retrospect si avvierà automaticamente quando è programmato l’inizio dello script successivo.

La pianificazione Proactive Backup nel pannello di controllo del client Retrospect è stata impostata a “Al più presto possibile”, ma il backup del client non è stato eseguito immediatamente.

La preferenza “Al più presto possibile” attende che Proactive Backup esegua il polling sul client; il client non avvia da solo il contatto. Nel frattempo, Proactive Backup potrebbe essere occupato nel backup di altri volumi di origine o nel polling di altri client; oppure potrebbe anche essere inattivo, a seconda della pianificazione. Quando Retrospect esegue il polling del client impostato ad ASAP, ne esegue il backup.

Vedere Consentire backup anticipati.

Problemi di ripristino

Quando si avvia un ripristino, prima si sceglie il set di backup da cui si ripristina. Retrospect passa quindi agli stati seguenti: selezione di un volume (specificando dove vanno i file), confronto o selezione dei file, richiesta dei supporti, copia e impostazione dei privilegi se necessario.

Si incontrano problemi selezionando un set di backup.

Se il set di backup non è nell’elenco, fare clic sul pulsante Altro. Fare clic su Apri se il catalogo del set di backup è disponibile o fare clic su Ricrea per ricostruirlo dai supporti.

Se Retrospect notifica un errore chunk checksum dopo avere scelto un set di backup, vedere -641 (checksum blocco non corrispondente).

Si desidera eseguire il ripristino da un supporto, ma non si vede il suo set di backup nella finestra di selezione.

Utilizzare Esplora risorse per cercare il file di catalogo del set di backup sul disco rigido. Avrà lo stesso nome del supporto nella finestra delle unità di memorizzazione di Retrospect. Ad esempio, se un nastro è chiamato “1-Rossi” cercare un file di catalogo chiamato “Rossi”. Fare doppio clic sul file del catalogo per mostrare a Retrospect dove si trova.

Se non è possibile trovare il file catalogo sul disco rigido, fare > clic su StrumentiRipara Catalogo e selezionare la funzione appropriata per ricrearlo (vedere Ricostruzione di un catalogo).

Non si riescono a trovare i file da ripristinare.

Se si utilizza “ripristina file selezionati”, assicurarsi che l’istantanea che si sceglie sia per il volume giusto. Per impostazione predefinita, il browser di anteprima dei file scelti mostra i file e le cartelle in ordine alfabetico, organizzati come erano sul disco rigido di cui è stato eseguito il backup. Una volta che si trova il file desiderato, fare doppio clic su di esso per contrassegnarlo per il recupero. Se non si riesce a trovare il file, selezionare Trova dal menu Modifica per cercare per nome o per mezzo di altri attributi. Un file con un’icona a nuvoletta indica che il file è su un membro mancante del set di backup.

Se si ripristinano versioni più vecchie dei file, utilizzare Ripristino>Ricerca file. Indicare a Retrospect di cercare un particolare file o un nome di cartella e se necessario fare clic su Altre scelte per utilizzare l’interfaccia Selettore di Retrospect per trovare i file.

Vedere Ripristino e Utilizzo dei selettori.

Durante il recupero di una vecchia istantanea dai supporti, Retrospect comunica che non vi sono istantanee disponibili.

Ci sono due cause possibili:

  • È stata disattivata l’opzione “Salva istantanee di origine per ripristino” (vedere Opzione di esecuzione per il file catalogo).
  • Il backup è stato annullato prima del completamento. Retrospect non salva un’istantanea del volume fino a quando il backup non è terminato.

Retrospect si rifiuta di utilizzare il supporto inserito e indica che il nome è corretto ma ha una data di creazione diversa.

Questo significa che sono presenti più supporti con lo stesso nome. Questo può verificarsi se si esegue un backup di riciclo su nuovi supporti e si prova a eseguire un ripristino con nastri, dischi o CD/DVD vecchi. Se possibile, individuare il supporto corretto per il ripristino.

Provare altri supporti per vedere se uno di loro corrisponde al catalogo che si utilizza.

Se si è sicuri che questo supporto ha i file desiderati, ricostruirne il catalogo. Fare clic su Strumenti> Ripara catalogo e selezionare la funzione di riparazione appropriata per ricreare il catalogo. (Vedere Ricostruzione di un catalogo).

Retrospect indica che il disco è pieno copiando durante il ripristino.

Il volume su cui si ripristina non ha spazio sufficiente per i file che si ripristinano. Sarà necessario gestire lo spazio su disco spostando o cancellando file, o evitare il problema selezionando meno file per il ripristino. Se si sta effettuando il ripristino di un volume che usava un’utilità di compressione, potrebbe essere necessario ripristinare i file in modalità batch e utilizzare l’utilità di compressione tra i ripristini per creare spazio per il prossimo batch di file.

Dopo il ripristino, i permessi di sicurezza NTFS non sono impostati.

È necessario ripristinare per mezzo di istantanea e lasciare attiva l’opzione per copiare informazioni di sicurezza. Vedere Opzioni di protezione Windows e Ripristino da un backup completo.

Dopo il ripristino, i privilegi di condivisione file su Mac OS non vengono impostati.

Prima di eseguire il ripristino su un volume diverso dal volume di sistema corrente in ambiente Mac OS X, usare sul volume il comando Mostra informazioni di Scelta risorse. Scegliere Privilegi dal menu della finestra Informazioni e disattivare l’opzione “Ignora privilegi su questo volume”.

Vedere Ripristino dei file server Mac OS.

Dopo aver ripristinato un backup su un nuovo disco rigido Macintosh, l’icona del volume in Scelta risorse non è più personalizzata. Ora è generica.

Riavviare il computer.

Dopo il ripristino, le definizioni dei sottovolumi per un client Macintosh sono errate.

Le definizioni di sottovolume possono essere reidentificate seguendo un’operazione che ripristina un grande numero di cartelle. I sottovolumi potrebbero avere nomi non corretti (perché sono stati nuovamente associati con cartelle non corrette) nella finestra di selezione del volume di Retrospect e nei browser. La causa di questo è collegata ai numeri di identificazione delle cartelle nella directory invisibile.

Per evitare che questo raro problema si verifichi, cancellare o formattare il volume di destinazione prima di utilizzare la funzione “ripristina intero disco” di Retrospect. Per evitare confusione tra i sottovolumi, controllare i nomi e l’accuratezza dei sottovolumi dopo ogni grande operazione di ripristino (come ad esempio il ripristino di un intero disco). Sarà necessario ridefinire ogni sottovolume su un volume dopo il suo ripristino.

È impossibile recuperare o ripristinare dati su un client.

Eseguire i passaggi seguenti:

  1. Tentare di accedere al client. Dal database dei client, scegliere il client e fare clic su Proprietà dalla barra degli strumenti. Fare clic sul pulsante Aggiorna per controllare se Retrospect può collegarsi al client.
  2. Passare a Configurazione>Volumi, selezionare il volume da cui si desiderano ripristinare i dati e fare clic su Proprietà dalla barra degli strumenti. Assicurarsi che nel volume ci sia abbastanza spazio per contenere i file da ripristinare e che non ci sia l’icona di chiusura del volume nella riga Attributi. (Se non c’è alcuna linea Attributi, non è bloccata.)

Se si ha la certezza che il volume nel quale si stanno ripristinando i dati è senza protezione ed è dotato di spazio sufficiente ma si incontrano ugualmente difficoltà nel ripristino, fare riferimento a Recupero di emergenza per assistenza generale.

Problemi con i dispositivi FireWire e USB

Se si riscontrano problemi con dispositivi FireWire o USB, questi potrebbero essere ricondotti a un gran numero di cause.

Problemi hardware

  • Isolare il dispositivo. Un altro dispositivo della catena potrebbe interferire con le comunicazioni del dispositivo di backup. Se il dispositivo di backup è collegato al computer mediante un hub o un altro dispositivo FireWire/USB, scollegarlo e connetterlo direttamente a una porta del computer. Se è già connesso direttamente al computer, provate a cambiare porta. Se il problema persiste, non riconnettere gli altri dispositivi e continuare a provare le altre soluzioni.
  • Il cavo potrebbe essere malfunzionante. Sostituire il cavo che connette il dispositivo al computer.
  • La scheda di sistema o l’adattatore FireWire/USB del computer potrebbero funzionare male. Installare Retrospect su un altro computer, se disponibile, e provare il dispositivo da solo su quel computer.

Problemi con i supporti

  • Provare un nuovo supporto per vedere se il problema dipende da un supporto difettoso o danneggiato. Se possibile, provare a utilizzare supporti di un altro produttore. Spesso le unità sono “schizzinose” riguardo al produttore del supporto. Seguire le raccomandazioni del produttore riguardo alle marche di supporti raccomandate.
  • Se si utilizza un’unità a nastro, pulire le testine con una cartuccia di pulizia.

Problemi firmware/software

  • Controllare che sul proprio computer sia installata l’ultima versione del firmware USB o FireWire. I produttori di hardware rilasciano spesso aggiornamenti del firmware che possono essere d’aiuto nella risoluzione dei problemi con USB o FireWire. Per gli aggiornamenti, visitare il sito Web del produttore. Nella colonna Versione della finestra Stato del dispositivo (o Ambiente), Retrospect elenca il firmware dell’unità utilizzata. Se vi è un problema comune con una data versione di firmware, questo viene riportato nel sito Web di Retrospect.
  • Aggiornare o reinstallare i driver dell’adattatore FireWire e dell’adattatore USB. Driver danneggiati possono causare problemi non altrimenti individuabili. Controllare il sito Web del produttore o del distributore per ottenere i driver aggiornati.
  • Disinstallare completamente qualsiasi software di backup di terze parti eventualmente presente sul computer, compresi i driver che tale software potrebbe aver installato per il dispositivo.

Se tutte le problematiche precedentemente elencate sono state esaminate e si continuano a ottenere errori sui nuovi supporti, il dispositivo di backup potrebbe essere guasto. Contattare il fornitore dell’unità per ottenere ulteriori strumenti diagnostici o di test, oppure per chiedere riparazioni o sostituzioni.

Problemi SCSI

Se la catena SCSI non è impostata correttamente, gli errori di comunicazione potrebbero causare un danneggiamento dei dati o errori di sistema durante le operazioni di copia. Le seguenti informazioni sono progettate per fornire una guida quando si incontrano problemi SCSI.

Vedere anche USB/USB 2.0/USB 3.0, la guida utente della propria scheda SCSI e il manuale fornito con il dispositivo hardware.

Questi esempi di errore possono indicare errori di comunicazione su una porta SCSI:

  • Il file “Tech Note” non corrisponde all’offset 3.253
  • Problema in lettura: ”1-Backup ufficio 2” (0), errore -102 (difficoltà di comunicazione)
  • Problema di scrittura: ”1-Macbeth” (0), errore -205 (accesso perso al supporto di memorizzazione)

Questi errori possono essere generalmente rintracciabili nella configurazione SCSI e possono essere di terminazione, di un particolare dispositivo, del cablaggio o dell’ordine dei dispositivi. I problemi di comunicazione del bus SCSI sono spesso causati da una terminazione non corretta o da cavi SCSI malfunzionanti. Provare a cambiare i terminatori, provare un terminatore alimentato, isolare il dispositivo nella catena SCSI e spostare il dispositivo su un altro computer. Se si tratta di un’unità a nastro, pulire le testine e, se la pulizia non ha effetto, provare altri tipi di nastro.

Terminazione

La regola generale per la terminazione consiste nell’utilizzare solo due terminatori nel bus SCSI, uno all’inizio e uno alla fine. Se sul bus SCSI è presente un solo dispositivo, è necessario solo un terminatore poiché la scheda SCSI dovrebbe essere già fornita di terminazione. Alcune periferiche SCSI vengono fornite con terminazione interna incorporata e devono essere messe alla fine di una catena SCSI.

Consultare la guida utente dell’hardware per informazioni specifiche sui requisiti di terminazione.

Cavi SCSI

I problemi di comunicazione possono essere causati da cavi SCSI malfunzionanti o connessi in maniera scorretta. Controllare tutti i cavi per assicurarsi che siano collocati correttamente nei rispettivi connettori. La lunghezza intera del bus SCSI non dovrebbe superare i 6 metri. Se possibile, cercare di utilizzare cavi corti (da 30 a 90 cm) ed evitare cavi più lunghi di 2 metri.

Ordine e conflitti dei dispositivi

Per evitare problemi causati dall’ordine dei dispositivi o da conflitti, assicurarsi che ogni dispositivo abbia un unico indirizzo SCSI. Per vedere l’indirizzo SCSI di ogni dispositivo, fare clic su Configurazione>Dispositivi. Quindi fare clic sulla scheda Ambiente per esaminare tutti i dispositivi. Questa finestra può essere stampata per riferimenti futuri. Se si verificano problemi (ad esempio, non appare un dispositivo acceso e connesso), provare a cambiare l’ordine dei dispositivi SCSI o rimuovere temporaneamente i dispositivi non necessari. Controllare nuovamente che ogni dispositivo abbia un ID SCSI univoco.

Alcuni dispositivi, come ad esempio le unità a dischi rimovibili, possono causare errori di comunicazione sui bus SCSI, specialmente se spenti. Se si incontrano problemi di comunicazione SCSI, assicurarsi che tutti i dispositivi SCSI siano accesi quando si utilizza il computer. Anche se non si incontrano problemi SCSI, si raccomanda di accendere tutte le periferiche SCSI prima di avviare il computer. Non spegnerli finché non si spegne il computer.

Problemi SCSI non risolti

Se sulla catena SCSI tutto è impostato correttamente, vi è ancora l’imprevedibile possibilità di un “voodoo SCSI” che causa problemi teoricamente impossibili poiché tutte le “regole” SCSI sono state rispettate. Il voodoo SCSI può chiedere di riordinare i dispositivi sulla catena, modificare la terminazione, assegnare un nuovo ID o sostituire i cavi SCSI. (I cavi corti causano meno problemi di quelli lunghi.) In teoria SCSI ha regole ben definite e risultati prevedibili, ma in pratica SCSI è a volte una scienza inesatta.

Tecniche di risoluzione dei problemi di rete

Eseguire test e ping per verificare la comunicazione TCP/IP

Utilizzare il pulsante Test nella finestra di rete per vedere se Retrospect è in grado di connettersi a un computer sulla rete via TCP/IP e comunicare con il software client. Fare clic su Test e immettere un indirizzo IP, un nome DNS o un nome WINS. Se Retrospect riferisce l’errore -541, si è collegato al computer a quell’indirizzo ma nessun software client ha risposto. Se riferisce l’errore -530, Retrospect non può collegarsi nemmeno al computer. Altri errori possono indicare problemi nella configurazione TCP/IP e si dovrebbe eseguire un “ping” sul computer di backup e sul computer client dagli altri computer per controllare se comunicano via TCP/IP.

I computer Windows configurati per TCP/IP sono dotati di comandi ping. Da un computer Windows TCP/IP sulla rete, aprire il prompt di MS-DOS e immettere il comando “ping” seguito da uno spazio e dall’indirizzo IP.

In Mac OS X, fare clic sulla scheda Ping di Network Utility (situata in
/Applications/Utilities).

Utilizzando un’utilità ping IP sul computer client che dà problemi, eseguire prima il ping all’indirizzo IP del computer di backup. Una risposta indica che la configurazione TCP/IP del computer su cui si è eseguito il ping è operativa. Se finisce il tempo (timeout) o riporta l’indirizzo come irraggiungibile significa che ci sono dei problemi nella configurazione TCP/IP, con l’interfaccia hardware di rete o con la rete stessa.

Se il ping sul computer di backup avviene con successo, utilizzare questo computer o un altro per eseguire il ping sull’indirizzo IP del computer client che presenta problemi.

Risoluzione dei problemi di rete

Quando si incontrano problemi con Retrospect o con i client, iniziare a tracciare uno schema dell’errore. Se il problema si verifica su un singolo client, iniziare la risoluzione dei problemi con un’analisi di quel particolare computer. Se il problema si verifica su più computer client, controllare se questi computer condividono un hub, un router, un bridge o un gateway. Si potrebbe riuscire a identificare un componente di rete malfunzionante da riparare o sostituire. Se si riscontrano fallimenti su più computer client ma non è possibile identificare un elemento ripetuto, controllare l’hardware di rete del computer di backup.

Domande comuni

Questa sezione risponde a domande comuni sull’impostazione e configurazione dei client Retrospect, l’esecuzione del backup dei file localmente e sulla rete, i set di backup, i cataloghi, le periferiche e i supporti.

Domande sull’impostazione del client

Come si individua l’indirizzo IP di un client in modo da accedere direttamente ad esso?

Dipende dal sistema operativo e dal modo in cui il computer client è configurato. Se il client ha un indirizzo IP statico, è possibile utilizzarlo con il metodo di accesso diretto. Tuttavia, se il client ottiene automaticamente un indirizzo IP dinamico da un server DHCP probabilmente non si dovrebbe utilizzare il metodo di accesso diretto. Gli indirizzi IP dinamici potrebbero cambiare più tardi e Retrospect potrebbe trovare un computer differente a quell’indirizzo IP dinamico aggiunto direttamente. Si dovrebbe utilizzare invece il multicast o il broadcast di sottorete.

Qui viene spiegato come determinare l’indirizzo IP di un computer e se è statico o dinamico.

Mac OS: Aprire il pannello di controllo Preferenze di rete (Mac OS X) sul client. Mostra l’”Indirizzo IP” che il computer utilizza attualmente. Sopra l’indirizzo IP vi è il menu di scelta rapida Configura. Se viene visualizzato “Uso del server DHCP” si tratta di un indirizzo IP dinamico. Se viene visualizzato “manualmente” si tratta di un indirizzo statico.

Windows: Aprire il prompt del DOS e immettere il comando “IPconfig -All”, che elenca completamente la configurazione IP.

Tutti i sistemi Windows: Le informazioni della configurazione IP mostrano l’indirizzo IP utilizzato correntemente dal computer. Mostra se il computer sta utilizzando un server DHCP e, se così, mostra le ultime date degli indirizzi IP ottenuti automaticamente. Se non visualizza il server DHCP e le informazioni di concessione, l’indirizzo IP è stato specificato manualmente (cioè, è statico).

Domande sulla configurazione del client

Come si cambia il nome di un client?

Quando si accede per la prima volta al client dal computer di backup, a esso viene dato un nome.

Se un client è già connesso e se ne vuole cambiare il nome, fare clic su Configurazione>Client, fare doppio clic sul client da rinominare e fare clic sulla scheda Strumenti nella finestra di proprietà del client. Fare clic sul pulsante Rinomina e immettere un nuovo nome.

Modificare il nome non influisce sui file di cui è stato eseguito precedentemente il backup, che vengono ancora conservati sotto il vecchio nome del client. Nuovi file e istantanee saranno conservati sotto il nuovo nome.

Come ci si collega al client se si è dimenticata la password?

È necessario disinstallare il client e installare nuovo software client con una nuova password.

Come si ottiene nuovamente il volume di un client dopo aver accidentalmente utilizzato l’opzione Tralascia?

Se si tralascia il volume del client, è possibile reinserirlo nell’elenco dei volumi di Retrospect configurando il client (vedere Configurazione dei client). Ricordare di aggiungere il volume agli script appropriati, se necessario.

Domande sul backup

Come si esegue il backup su un disco rigido?

Utilizzare un set di backup su disco o un set di backup su file sul disco rigido. Vedere Set di backup e relativi componenti e Unità a disco rigido.

Come si esegue il backup di uno Snap Server o di altri NAS? In che modo lo si può utilizzare come dispositivo di backup?

In Retrospect sono disponibili diversi modi per utilizzare i dispositivi NAS (Network Attached Storage). È possibile eseguire l’applicazione Retrospect o client Retrospect sul dispositivo NAS, oppure utilizzare il dispositivo NAS come destinazione per memorizzare i dati dei set di backup su file e su disco.

Per ulteriori informazioni, vedere Dispositivi NAS (Network Attached Storage).

Come si esegue il backup dei soli file modificati?

Retrospect lo fa automaticamente. La prima volta che si esegue il backup, Retrospect copia tutti i file scelti. Nei normali backup in successione, vengono copiati solo i file nuovi o modificati.

Come si specificano backup completi o incrementali (differenziali)?

Per impostazione predefinita, Retrospect esegue backup progressivi; cioè esegue il backup dei soli file nuovi o modificati. È possibile modificare questo comportamento impostando l’azione di backup in riciclo o nuovi supporti. Per ulteriori informazioni, vedere Azioni di backup.

Esistono molti modi per eseguire questa operazione:

Come si esegue il backup di più volumi sullo stesso nastro, disco o CD/DVD?

Usare lo stesso set di backup di destinazione. Per eseguire il backup contemporaneamente, scegliere ogni volume di cui si desidera eseguire il backup nella finestra di selezione del volume. Si può definire una selezione non contigua utilizzando il tasto Control o selezionare un intervallo di volumi utilizzando il tasto Maiusc. Quando si esegue il backup, Retrospect esegue il backup di ognuno dei volumi scelti, uno dopo l’altro.

È possibile eseguire più avanti backup normali di altri volumi sullo stesso set di backup; Retrospect li aggiungerà al supporto fino a quando non è pieno.

Come si avvia rapidamente un backup?

Creare prima di tutto uno script in Retrospect e salvare un documento di esecuzione (vedere Per creare un documento di esecuzione:) da esso. Utilizzare il documento di esecuzione per avviare lo script direttamente da Esplora risorse.

Come si possono includere o escludere i file con attributi particolari?

È possibile specificare i file da includere nel backup utilizzando i selettori. Questi permettono di includere o escludere i file in base a dimensione, genere, date e molti altri attributi. Vedere Utilizzo dei selettori.

Domande sul backup di rete

Come è possibile vedere il contenuto dell’ultimo backup notturno? Come è possibile verificare se Proactive Backup ha eseguito il backup di tutto?

Il Rapporto sul backup visualizza un resoconto dettagliato delle operazioni di backup per ogni volume. Per esaminare il rapporto, fare clic su Rapporti dalla scheda Rapporti>Rapporto sul backup. Vedere Visualizzazione del Rapporto sul backup.

Il registro delle operazioni mostra per data e ora di quali volumi è stato eseguito il backup, quanti dati sono stati copiati e se il backup è stato completato con successo. Per esaminare il registro, fare clic su Rapporti > Registro operazioni. Il registro elenca inoltre gli errori che si sono verificati. Vedere Visualizzazione del registro operazioni.

Per esaminare i file interessati dal backup più recente, fare clic su Rapporti>Contenuto della sessione. Scegliere il set di backup appropriato dall’elenco superiore nella finestra del contenuto del rapporto, scegliere una o più sessioni dall’elenco inferiore e fare clic su Sfoglia. Appare un browser che elenca i file nell’ordine in cui se ne è eseguito il backup. Vedere Visualizzazione del contenuto della sessione.

Per vedere tutti i file su un particolare volume al momento di un dato backup, ottenere le proprietà del set di backup e visualizzare la scheda istantanee. Vedere La scheda Istantanee.

Più computer di backup possono funzionare contemporaneamente sulla stessa rete?

Sì, è possibile utilizzare più computer di backup contemporaneamente sulla stessa rete senza problemi, anche se durante il trasferimento di dati contemporaneo si verificherebbe probabilmente un rallentamento di entrambi i backup. Se si eseguono backup in segmenti fisici di rete differenti, il traffico su un segmento non influisce sugli altri segmenti.

Voglio fare in modo che un computer situato su un altro segmento della rete diventi il computer di backup. Che cosa si deve fare?

Il passaggio a un nuovo computer di backup è spiegato in dettaglio nel Spostamento di Retrospect.

Come è possibile utilizzare più schede di rete sul computer di backup?

Retrospect Multi Server permette di accedere a tutti i client da più sottoreti senza incrociare il backbone della rete. Connettere ogni interfaccia di rete a un segmento di rete separato e utilizzare le caratteristiche avanzate di rete di Retrospect Multi Server (Connessione avanzata in rete) per configurare un’interfaccia separata per ogni combinazione scheda/sottorete.

Qual è il numero di porta di rete di Retrospect?

Retrospect utilizza una porta riconosciuta, la 497, assegnata dalla Internet Assigned Number Authority (IANA), sia per TCP che per UDP.

Di quanti computer client si può eseguire il backup da un singolo computer di backup?

Non c’è alcun limite fisso al numero di client a cui è possibile accedere da un computer di backup. Non è una questione di numeri, ma di risorse. È possibile eseguire il backup di un numero maggiore di client con un computer di backup più veloce, un dispositivo con supporti a capacità più alta e semplicemente più tempo disponibile per l’esecuzione di backup.

Se il computer di backup non sta completando i backup nei periodi di tempo pianificati o si desidera che il backup dei volumi venga eseguito più spesso, potrebbe essere necessario un computer di backup più veloce, un dispositivo di backup più veloce o entrambi.

Perché i backup di rete durano così a lungo?

Per una discussione sulle prestazioni di backup, comprese le indicazioni per stimare la velocità di backup, vedere Indicazioni per il backup di rete e Scelta del computer di backup.

Se si nota che i backup sono diventati improvvisamente molto più lenti o se il backup di un particolare client viene eseguito più lentamente di altri con una configurazione simile, può darsi che vi sia un problema. Le situazioni seguenti potrebbero essere fonte potenziale di problemi:

• La quantità di attività sul computer client e di backup durante il backup.

Altre applicazioni in esecuzione (ad esempio il software antivirus) su uno dei due computer sottraggono potenza di elaborazione da Retrospect. Provare un backup con Retrospect come l’unica applicazione attiva sul computer di backup per ottenere prestazioni ottimali.

• La quantità di dati che vengono copiati.

I backup di riciclo tendono a mostrare resoconti di prestazioni più alte rispetto ai backup incrementali. Per ogni backup, Retrospect deve perdere tempo a esaminare l’intero volume per determinare i file che necessitano di backup, indipendentemente dalla quantità di dati da includere nel backup. La durata di questo periodo aggiuntivo in rapporto alla durata totale del backup è più elevata per una piccola quantità di dati (backup incrementale), se paragonata a una grande quantità di dati (per un backup di riciclo o quando in un backup normale viene utilizzato per la prima volta un set di backup vuoto). I backup di piccole quantità di dati possono segnalare quindi tempi di prestazioni più lenti rispetto ai backup di grandi quantità.

Valori di esempio per backup di client su una rete Ethernet mostra dati di esempio provenienti da numerosi backup. I dati delle prestazioni per i backup con riciclo sono molto più alte che per i successivi backup dello stesso client a causa della inferiore proporzione tra il tempo di impostazione e la quantità di dati di cui si è effettivamente eseguito il backup.

• Il numero totale di sessioni per cui è stato utilizzato un set di backup.

Più grande è il numero di sessioni creato, più tempo Retrospect impiega per far corrispondere le sessioni in modo da determinare i file di cui si deve eseguire il backup. Reimpostando periodicamente il set di backup con un backup di riciclo o aggiungendo un nuovo supporto alla rotazione utilizzando un nuovo backup di supporto, si limiterà il numero di sessioni nel set di backup, accelerando sia il backup che le operazioni di ripristino.

• Condivisione file.

La condivisione dei file rallenta la copia sia sul client che sul computer di backup. Disattivare la condivisione quando non è necessaria aiuta a ottimizzare le prestazioni della rete.

• Backup attraverso segmenti di rete.

Il computer di backup e un client possono risiedere in due reti fisicamente diverse collegate tramite un bridge o un router che può rallentare il trasferimento dei dati da una macchina all’altra. Le prestazioni di backup possono anche soffrire se le due reti variano molto in termini di attività o di prestazioni di rete relative. È possibile confermare la velocità del collegamento fra il computer di backup e il client ottenendo le proprietà da Configurazione>Client. Se il tempo di eco sembra più alto che in circostanze normali (ad esempio, coerentemente sopra 0,3) o il valore delle prestazioni in KB/secondo sembra inferiore del normale, un problema di rete potrebbe influenzare la velocità di backup. Visualizzare le proprietà per vedere le cifre delle prestazioni per diversi computer client e confrontarle per determinare i livelli correnti di prestazioni della rete.

• Le prestazioni del backup e/o computer client.

I problemi con una delle due macchine influiscono sulla velocità del backup. Specificatamente, si dovrebbe controllare la frammentazione del disco rigido, i problemi sul bus SCSI e i problemi di rete.

• La velocità del computer di backup.

Vari modelli di computer caratterizzano diverse unità centrali di elaborazione con diverse velocità di orologio (per esempio, un Pentium relativamente lento o un Pentium III relativamente veloce) che determinano quanto velocemente eseguono le operazioni. Le prestazioni di CPU simili variano anche in base ai loro cicli di orologio (espressi in megahertz). Infine, la velocità del bus SCSI varia tra le varie schede di espansione, influendo sulla velocità con cui ogni computer può trasferire dati attraverso il bus SCSI. Per prestazioni di backup ottimali, utilizzare un computer relativamente veloce per eseguire Retrospect.

• L’uso della crittografia o della compressione software.

Se possibile, evitare di utilizzare la crittografia sul supporto di backup o crittografia sul collegamento al computer client. La crittografia richiede potenza di elaborazione aggiuntiva che il computer di backup utilizzerebbe altrimenti per aumentare le prestazioni di backup. Quando possibile, utilizzare la compressione hardware (se l’unità a nastro include la funzione di compressione hardware), poiché la compressione hardware funziona più rapidamente della compressione software. Dato che la velocità di backup influisce sulla capacità del nastro, la compressione hardware permette anche di registrare più dati su un nastro.

Come determinare una soglia di velocità di lavoro per l’opzione di esecuzione del client?

Ottenere le proprietà di vari client dalla finestra del database dei client. Per circa un minuto, osservare la velocità di ogni client.

Retrospect può chiudere un computer client Windows quando ha terminato il backup?

No. Il software Retrospect client per Windows non supporta la chiusura software perché la maggior parte dei PC deve essere spenta con un interruttore hardware.

È possibile duplicare il sistema da un computer Windows a un altro?

No, perché le informazioni di troppi computer Windows sono specifiche per quel computer. Ogni scheda, periferica e programma software richiede impostazioni specifiche che è improbabile possano essere ripetute da un PC a un altro, anche se modelli e configurazioni erano identici.

È necessario aggiornare i client all’ultima versione?

Retrospect, Inc. raccomanda vivamente di utilizzare l’ultima versione del software client Retrospect con i client utilizzati con l’ultima versione di Retrospect.

Come si può impedire alla finestra di dialogo “Waiting for backup” di venire visualizzata su client Macintosh nelle notti in cui nessuna operazione è pianificata?

Il pannello di controllo client Retrospect non ha alcun modo di sapere quando un’operazione è pianificata, quindi aspetta sempre la chiusura se questa opzione è attiva nella finestra di dialogo delle preferenze del pannello di controllo client Retrospect . Vi sono numerosi modi per aggirare questo problema se non si eseguono le operazioni ogni notte.

Creare uno script utilizzando il selettore Nessun file, quindi programmarne l’esecuzione di notte quando nessun backup è pianificato. Retrospect chiude le origini Macintosh dello script.

Dire agli utenti in quali giorni dovrebbero fare clic sul pulsante Smetti nella finestra di dialogo “Waiting for backup” quando escono alla fine della giornata.

Disattivare la preferenza Wait at shutdown nel pannello di controllo del client Retrospect sul Macintosh di ogni utente. Dire agli utenti in quali notti devono lasciare accesi i loro computer Macintosh. Ricordare di abbassare la luminosità del monitor o togliere l’alimentazione per evitare che lo schermo si bruci.

Domande sul ripristino

Dopo avere appena ripristinato alcuni file, non è più possibile trovarli. Dove sono? Dove sono finiti?

Osservare il livello radice del disco rigido per cercare una cartella con lo stesso nome del set di backup da cui si è eseguito il ripristino.

Retrospect ripristina le cartelle vuote?

Sì. Le cartelle vuote vengono ripristinate quando si ripristina da un’istantanea utilizzando Ripristina>Interovolume, utilizzando qualsiasi opzione tranne “Ripristina solo i file”.

Ho eseguito il backup di volumi multipli utilizzando uno script per backup singolo. Come posso ripristinare tutti i volumi con una sola operazione?

Creare e programmare uno script di ripristino per la prima istantanea che si desidera ripristinare. Duplicare questo script. Modificare la copia del primo script, cambiando l’origine e la destinazione per riflettere la successiva istantanea da ripristinare. Ripetere questo processo per ogni volume che si desidera ripristinare. Retrospect esegue ogni script, uno dopo l’altro, alfabeticamente secondo il nome dello script, partendo nel momento specificato.

Domande sui set di backup e il catalogo

Che fare se si tralascia il catalogo?

Se si tralascia un catalogo del set di backup dall’interno di Retrospect, il suo file rimane sul disco rigido fino a quando non lo si trascina nel cestino. Se si è detto per errore a Retrospect di tralasciare un catalogo, è possibile aprire il file del catalogo dall’interno di Retrospect o da Esplora risorse. Dopo avere tralasciato un catalogo, è necessario aggiungere nuovamente il set di backup agli script perché Retrospect li rimuove quando si tralascia il catalogo.

Che fare se si perde il catalogo?

Se si perde il catalogo dei set di backup (perché è stato cancellato, danneggiato o perso), è possibile far ricreare il catalogo a Retrospect scandendo l’ultimo membro del set di backup. Vedere Ricostruzione di un catalogo.

Se l’opzione Ricostruzione rapida dei cataloghi era stata disattivata, Retrospect deve scandire tutti i membri del set di backup. In questo caso, potrebbero essere necessarie alcune ore per ricreare un catalogo se c’è una grande quantità di dati nel set di backup.

Si possono cancellare file da un set di backup?

No, è impossibile cancellare dei file da un set di backup perché la maggior parte dei tipi di unità di memorizzazione non lo permettono. Se si desidera nascondere solo file selezionati da un set di backup, è possibile copiare questi file su un altro set di backup utilizzando l’operazione di trasferimento del set di backup di Retrospect. Vedere Trasferimento dei set di backup.

Si può rinominare un set di backup?

Retrospect non ha alcuna funzione per rinominare i set di backup, ma è possibile rinominare un set di backup su file in Esplora risorse. (Altri tipi di set di backup non possono essere rinominati.) Aprire il file del set di backup dopo averlo rinominato per fare in modo che Retrospect riconosca il cambiamento.

Si possono mettere più set di backup su un nastro, un disco o un CD?

È impossibile avere più set di backup su un nastro o CD/DVD, ma in un disco è possibile avere più set di backup su file o su disco. Quando si aggiunge un supporto rimovibile a un set di backup, Retrospect riserva l’intero supporto per quel set di backup.

È possibile tuttavia eseguire il backup di tutti i volumi di origine possibili in un singolo set di backup.

Qual è il modo migliore per gestire i file di catalogo?

Di solito i cataloghi contengono circa 4 MB ogni 10.000 file di cui si esegue il backup. Tenere i cataloghi usati spesso sul disco rigido. Se si ha poco spazio disponibile sul disco rigido, ecco alcune alternative:

  • Conservare cataloghi utilizzati sporadicamente su un file server.
  • Archiviare i vecchi cataloghi nei propri set di backup.
  • Comprimere i cataloghi. Vedere Configurazione dei set di backup.

È consigliabile duplicare i file catalogo nel caso vengano danneggiati.

Eseguo il backup spostando un’unità a nastro da computer a computer. Qual è il modo migliore per farlo?

Non è necessario creare un set di backup separato per ogni computer a meno che non si preveda di utilizzare un nastro diverso per ogni stazione di lavoro. Se si utilizza un singolo set di backup per i computer, non eseguire un backup di riciclo per ogni stazione di lavoro; utilizzare solo il backup normale e il backup su nuovo supporto quando è necessario ruotare i supporti.

Dopo ogni backup, copiare il catalogo del set di backup su un disco del server o rimovibile e quindi, una volta che si passa al computer successivo, copiare il catalogo sul suo disco rigido. Si potrebbe voler utilizzare l’opzione di compressione catalogo di Retrospect (La scheda Opzioni) per mantenere il catalogo il più piccolo possibile.

In alternativa, tenere il catalogo su un server accessibile da ogni computer. Questo però, presume che tutti i computer siano collegati in rete, nel qual caso si risparmieranno molti problemi acquistando i client Retrospect. Con una spesa limitata per client, il software client Retrospect permette a Retrospect di eseguire il backup dei computer Windows e Mac OS in rete senza spostare il dispositivo di backup.

Quali sono le conseguenze del non salvare le istantanee per risparmiare tempo e spazio?

Principalmente la disattivazione dell’opzione Salva istantanee di origine per ripristino (vedere Opzione di esecuzione per il file catalogo) rende più difficile visualizzare o ripristinare la gerarchia delle cartelle di un volume.

Senza un’istantanea, non è possibile:

  • ripristinare un volume nello stato esatto in cui era in un dato backup come si farebbe, ad esempio, dopo una caduta del sistema;
  • ripristinare il registro di Windows (necessario quando si ripristina un intero disco);
  • ripristinare le informazioni di sicurezza NTFS;
  • ripristinare le cartelle vuote;
  • scorrere un backup di volume per il ripristino.

Se fosse necessario ripristinare i file, si dovrà utilizzare un selettore (e/o esaminare i file non in gerarchia) per scegliere quali file ripristinare, processo che richiede molto tempo.

Domande su dispositivi e supporti

Ignora ID

quando si esegue l'aggiornamento da una versione di Retrospect precedente, i dispositivi di backup con ID precedentemente ignorati saranno visualizzati nella relativa finestra. Per ignorarli nuovamente, selezionare Configura > Dispositivi dalla barra di navigazione Retrospect. Nella finestra Dispositivi di storage, fare clic sulla scheda Ambiente, selezionare l'ID da ignorare e fare clic sul pulsante Ignora ID nella barra degli strumenti della finestra. Uscire e riavviare Retrospect per rendere effettive le modifiche.

CD registrabili montati

Retrospect non supporta dischi registrabili (CD-R, CD-RW, DVD-R, DVD-RW, DVD+R, DVR+R DL, o DVD+RW) formattati per l'uso con software che permette di montare i dischi in Esplora risorse e utilizzarli come dischi floppy. Inoltre, quando sul computer di backup sono contemporaneamente in esecuzione il software di montaggio del CD e Retrospect, possono verificarsi dei conflitti.

Per utilizzare il software di montaggio dei CD mentre Retrospect è in esecuzione:

  1. Avviare Retrospect.
  2. Selezionare Configura > Dispositivi.
  3. Fare clic sulla scheda Ambiente.
  4. Fare clic destro sull'unità registrabile e scegliere Ignora ID.
  5. Uscire da Retrospect e riavviarlo.

Per utilizzare Retrospect mentre il software di montaggio dei CD è in esecuzione:

  1. Assicurarsi che l'unità sia vuota.
  2. Aprire Retrospect e controllare che l'ID dell'unità disco sia impostato su Non ignorare ID (Configura > Dispositivi > Ambiente).
  3. Inserire un CD vuoto o già utilizzato con Retrospect. È anche possibile lasciare vuota l'unità finché Retrospect non richiede un disco.
  4. Annullare qualsiasi tentativo di formattazione del disco da parte del software di montaggio.

Perché i nastri DAT si riempiono prima del previsto?

Le unità che utilizzano il formato DDS-1 supportano nastri da 60 o 90 metri per una capacità di dati decompressa di circa 1.3 GB o 1.9 GB, rispettivamente. Le unità che utilizzano il formato DDS-2 supportano nastri da 120 metri per una capacità di dati decompressa di circa 4 GB. Le unità che utilizzano il formato DDS-3 supportano nastri da 125 metri per una capacità di dati decompressa di circa 12 GB. Le unità che utilizzano il formato DDS-4 supportano nastri da 150 metri per una capacità di dati decompressa di circa 20 GB.

Per un normale utilizzo quotidiano, il nastro completo potrebbe memorizzare fino al 30% dei dati in meno della capacità massima ideale.

Se si utilizza un’unità con compressione hardware, è possibile aumentare efficacemente la capacità dei nastri. La capacità effettiva del nastro dipenderà in gran parte da quanto i dati copiati si comprimono. Ad esempio, il testo si comprime bene, ma non le applicazioni.

Se si esegue il backup di molti file piccoli o si esegue il backup dei file in rete, anche la capacità effettiva del nastro diminuirà.

Retrospect richiede un nuovo nastro per uno di questi tre motivi:

  • L’unità a nastro riferisce che il nastro corrente è pieno.
  • Si è verificato un errore durante la scrittura del nastro. Aprire il registro per vedere se si è verificato un errore.
  • Si sono scelti Ignora o Mancante mentre si configurava un set di backup o eseguendo un backup su nuovo supporto.

Quanto spazio rimane sul nastro?

Retrospect stima la capacità del nastro per aiutare a gestire il backup. Per esaminare questa stima, fare clic su Configurazione>Set di backup. Nella finestra di selezione dei set di backup, scegliere il set di backup e fare clic su Proprietà. La finestra che viene visualizzata elenca lo spazio disponibile stimato sul membro corrente del set di backup.

Questa stima serve solo ad aiutare a misurare quando Retrospect richiederà nuovi supporti. Indipendentemente dallo spazio disponibile stimato, Retrospect utilizza un membro fino a quando l’unità a nastro non segnala che il nastro è completo.

Poiché molte unità a nastro non segnalano dinamicamente la capacità di un nastro, la valutazione di Retrospect potrebbe essere imprecisa. Per cambiare la valutazione in modo che corrisponda alla capacità effettiva del nastro (basata sull’esperienza), utilizzare il pulsante Capacità, descritto in La scheda Opzioni.

Che fare quando si sa che il nastro o il disco si riempiranno durante il prossimo backup notturno?

Se si pensa di non avere sufficiente spazio per il successivo backup sul nastro o sul disco corrente del set di backup, si può chiedere a Retrospect di richiederne uno nuovo.

Per passare a un nuovo membro, utilizzare il pulsante Azione supporto, descritto in La scheda Opzioni. La prossima volta che Retrospect aggiunge dei file a quel set di backup richiederà nuovi supporti, saltando in effetti lo spazio vuoto alla fine del supporto corrente.

Se questa situazione si presenta frequentemente, si pensi di utilizzare la preferenza di salto automatico ai supporti vuoti di Retrospect. Quando è attiva questa preferenza, Retrospect utilizza automaticamente qualsiasi supporto cancellato se il membro corrente non è disponibile.

Si potrebbe anche pensare di acquistare una libreria di nastri, un dispositivo di backup che mantiene un caricatore con molti nastri. Quando si riempie un nastro, Retrospect utilizza un nastro vuoto dal caricatore.

Provando a cancellare un nastro o un disco, Retrospect chiede il file di catalogo, che non esiste più. Come si cancella il nastro?

Quando si cancella un disco o un nastro, Retrospect prova a rimuovere il contenuto del membro dal catalogo di quel set di backup. Se manca, Retrospect lo richiede. È necessario dire a Retrospect di tralasciare il catalogo poiché si è perso, il che permetterà quindi di cancellare il nastro. Andare a Configurazione>Set di backup e tralasciare il set di backup, quindi andare a Configurazione>Dispositivi e cancellare il nastro.

Disponendo di due unità a nastro, Retrospect le utilizzerà entrambe quando eseguirà backup non assistiti?

Sì, lo farà se i dispositivi sono simili e con lo stesso genere di meccanismo. Quando riempie un nastro, Retrospect cerca in qualsiasi unità disponibile qualsiasi nastro nuovo o cancellato o con il nome corretto.

Se si dispone del modulo aggiuntivo Advanced Tape Support di Retrospect, è possibile eseguire operazioni simultanee utilizzando contemporaneamente entrambe le unità nastro.

Per ulteriori informazioni, vedere Esecuzioni concorrenti multiple.

Come si può riutilizzare il nastro dall’inizio?

Inserire il nastro e fare clic su Configurazione>Dispositivi. La finestra che appare mostra il nome del nastro. Scegliere il nastro e fare clic su Cancella dalla barra degli strumenti.

La cancellazione di un nastro che è un membro di un set di backup cancella i file di cui è stato eseguito il backup.

Come si riciclano i nastri dei vecchi set di backup?

Per riutilizzare un nastro da un set di backup che non è più necessario, inserire il nastro e fare clic su Configurazione>Dispositivi. La finestra che appare mostra il nome del nastro. Scegliere il nastro e fare clic su Cancella dalla barra degli strumenti. La prossima volta che Retrospect richiede un nuovo membro per un set di backup, utilizzerà automaticamente questo o qualsiasi altro nastro cancellato nel dispositivo di backup.

Si dovrebbe anche rimuovere il catalogo del vecchio set di backup. Fare clic su Configurazione>Set di backup. Nella finestra di selezione del set di backup che viene visualizzata, selezionare il vecchio set di backup e fare clic su Tralascia dalla barra degli strumenti. Trascinare nel cestino il vecchio file di catalogo del set di backup.

Come si determina il nome di un nastro?

Per visualizzare il nome di un nastro, fare clic su Configurazione>Dispositivi. Retrospect esegue una scansione per trovare le unità a nastro disponibili. Appare la finestra dei dispositivi di memorizzazione, che elenca ogni unità a nastro, il suo stato, la sua ubicazione e il nome del nastro inserito. Inserire il nastro se non lo si è già fatto.

Una volta che si conosce il nome di un nastro, utilizzare un pennarello e le etichette adesive del produttore per identificare la cartuccia nastro.

Si può usare un dispositivo DAT audio o una videocamera DV per il backup?

No.

Si possono utilizzare nastri DAT audio in un’unità DAT?

No. Mentre i nastri del DAT di tipo audio possono essere utilizzati nelle unità DAT di qualche computer, si consiglia un supporto di qualità dati. I nastri di qualità dati devono passare verifiche più rigide dei nastri di qualità audio. Le unità DAT più recenti per computer riconoscono solo i nastri dati Media Recognition System (MRS).

Domande varie

Nelle finestre riepilogative e nei browser, perché le dimensioni di file segnalate da Retrospect sono diverse da Esplora risorse?

La discrepanza nelle dimensioni è causata dalla differenza fra qualsiasi dimensione logica di un dato file e la sua dimensione fisica. La dimensione logica di un file è il numero effettivo di byte che il file contiene. La dimensione fisica è la quantità di spazio che il file occupa su un disco rigido o su altro volume. Questa dimensione fisica varia per un dato file in funzione del luogo in cui si memorizza il file (ad esempio, un floppy disk o un disco rigido). Retrospect segnala una dimensione coerente basata sulla dimensione fisica del file, indipendentemente dall’ubicazione in cui si memorizza il file.

Come ci si sbarazza di un set di backup di cui non si ha più bisogno?

Fare clic su Configurazione>Set di backup. Nella finestra di selezione dei set di backup, selezionare il set di backup che deve essere rimosso e fare clic su Tralascia nella barra degli strumenti. Questo rimuove il set di backup dagli elenchi di destinazione di tutti gli script. Per rimuovere completamente un set di backup, è necessario anche trascinare il file di catalogo del set di backup nel cestino con Esplora risorse.

Come ci si sbarazza di un volume che non esiste più?

Fare clic su Configurazione>Volumi. Nella finestra di selezione dei volumi, scegliere il volume da rimuovere e fare clic su Tralascia dalla barra degli strumenti. Questo rimuove il volume dagli elenchi delle origini di tutti gli script.

Uscendo da Retrospect, come evitare il messaggio che indica la prossima volta in cui Retrospect sarà eseguito?

Fare clic su Configurazione>Preferenze. Selezionare la categoria Preferenze di avviso e disattivare Controlla validità successivo script.

Dove sono memorizzati gli script?

Gli script Retrospect sono conservati nel file Config77.dat. Il file Config77.dat può trovarsi nella stessa cartella dell’applicazione Retrospect oppure in ../Documents and Settings/All Users/Application Data/Retrospect.

Molte altre personalizzazioni effettuate su Retrospect sono conservate anch’esse là.

Messaggi di errore di Retrospect

Quando Retrospect rileva errori di confronto durante il backup, errori di scrittura durante il ripristino o errori di lettura durante la ricerca o la verifica, apre un browser che mostra i file implicati. Il browser degli errori di esecuzione può essere stampato per riferimento o copiato e incollato in un altro browser per una facile riselezione. Guardare il registro delle operazioni per il messaggio di errore associato a ogni file e agire di conseguenza.

Quando Retrospect sta eseguendo operazioni sulla rete, il client o il computer di backup possono generare errori, riportati da Retrospect sul computer di backup. Di solito, gli errori che sono segnalati al client si verificano quando il software client Retrospect rileva il sistema e determina che Retrospect non sarà in grado di utilizzarlo sulla rete.

Catalogo fuori sincronizzazione

Retrospect non era in grado di aggiornare il catalogo l’ultima volta che ha copiato dati su questo set di backup.

Questo può essere causato da malfunzionamento o interruzione dell’alimentazione dell’apparecchiatura, oppure può essere causato da un disco pieno o da una mancanza di memoria.

Se aggiornando il catalogo non si elimina l’errore di “catalogo non sincronizzato”, Retrospect non può aggiungere file a quel nastro. Vi sono tre opzioni:

  • Eseguire un backup di riciclo, che reimposta il catalogo e cancella i supporti, rimuovendo i file di backup esistenti.
  • Passare a un nuovo supporto utilizzando il pulsante Azione supporto (vedere La scheda Opzioni), imponendo a Retrospect di utilizzare un nuovo supporto per il successivo backup.
  • Creare un nuovo set di backup ed eseguire un backup su nuovi supporti.

Risincronizzazione (adagio)

Quando Retrospect mostra questo messaggio durante l’aggiornamento di un catalogo o la ricostruzione di un set di backup, il supporto del set di backup in uso potrebbe essere danneggiato.

Se questo messaggio viene visualizzato per più di quindici minuti circa, interrompere la ricatalogazione e salvare la sessione parziale. Non si sarà più in grado di aggiungere dati al supporto. Il backup successivo a questo set di backup richiederà un supporto nuovo o cancellato.

Questo errore può indicare problemi di comunicazione con il dispositivo. Vedere Problemi con i dispositivi FireWire e USB e Problemi SCSI.

Testata errata del set di backup

Retrospect ha incontrato una testata del file mancante o danneggiata, che contiene informazioni come il nome e la dimensione del file.

Questo errore può indicare problemi di comunicazione con il dispositivo. Vedere USB/USB 2.0/USB 3.0 e Problemi SCSI.

Contenuto non riconosciuto

Retrospect può vedere i dati sul supporto, ma i dati non sono riconosciuti come dati formattati da Retrospect. Con un disco rimovibile, il contenuto non riconosciuto è probabilmente costituito da altri file e di solito non si desidera perderlo.

Quando un DVD-RAM o MO visualizza Contenuto non riconosciuto, procedere con cautela. Qualsiasi file su un disco viene rimosso permanentemente quando Retrospect utilizza il disco in un’operazione con un set di backup su dischi.

Di solito per i nastri questo significa che il nastro era danneggiato, utilizzato da un programma di backup incompatibile o utilizzato con un’unità incompatibile. Questo accade spesso con nastri utilizzati con unità dotate di compressione hardware e quindi utilizzati con unità che non supportano la stessa compressione hardware. Fare quanto segue per risolvere il problema:

  • Assicurarsi che la cartuccia nastro che si inserisce sia compatibile con l’unità a nastro. Ad esempio, i nastri DDS-4 da 150 metri non possono essere letti dalle unità DDS-1, -2 o -3. Per informazioni aggiornate sui nastri supportati da ciascuna unità, fare riferimento al sito Web di Retrospect .
  • Pulire l’unità a nastro e continuare a pulirla secondo le raccomandazioni del fornitore dell’unità. Le unità a nastro devono essere pulite regolarmente con cartucce di pulizia speciali (vedere Pulizia dell’unità a nastro).
  • Controllare se altri nastri visualizzano anch’essi un contenuto non riconosciuto. Se solo un nastro lo fa, è danneggiato, è stato scritto da un altro software di backup o è stato creato su un’unità a nastro diversa e incompatibile. Se tutti i nastri non sono riconosciuti, essendo stati tutti creati su un’unità a nastro diversa, c’è un problema con la configurazione SCSI o l’unità a nastro potrebbe essere rotta. Vedere Problemi SCSI per istruzioni dettagliate sulla risoluzione dei problemi con il bus SCSI.
  • Se possibile, provare il nastro o i nastri in un’unità a nastro compatibile. Se i nastri sono riconosciuti in un’unità ma non in un’altra dello stesso tipo, è possibile che un’unità abbia bisogno di riparazione. Contattare il fornitore dell’unità prima di ritenere che un’unità abbia bisogno di riparazione.

Supporti troppo diversi

Retrospect indica che il supporto è troppo diverso in due casi:

  • Si sta provando ad aggiungere a un set di backup su nastro danneggiato. Se ci si è bloccati o si è riscontrata un’interruzione dell’alimentazione durante l’ultima scrittura su nastro e ora si ottiene questo errore mentre si aggiungono dati, il set di backup è danneggiato. Non si sarà in grado di effettuare altre aggiunte a questo set di backup, ma è possibile recuperare tutti i file da esso. Creare un nuovo insieme o fare un backup di riciclo a questo insieme se si desidera iniziare. I supporti non sono danneggiati, ma il set di backup è danneggiato, quindi Retrospect non può aggiungere dati ad esso.
  • Si sta provando ad aggiungere a un set di backup su nastro utilizzando un’unità con un tipo di meccanismo diverso. Utilizzare unità simili quando si creano set di backup su unità miste.

Errori di verifica

I seguenti messaggi indicano un errore durante il confronto eseguito durante la verifica completa dei file:

  • File “Home.html”: differente data/ora di modifica
  • File “Dimensioni parallele”: confronto non eseguito all’offset 263.078

Gli errori nella verifica completa accadono quando Retrospect determina che un file copiato sulla destinazione non è identico al file copiato dall’origine. Il file in questione non è considerato valido nella destinazione. Se questo accadesse durante un backup, ad esempio, Retrospect proverebbe a copiare il file di nuovo durante il backup normale successivo a questo set di backup.

Quando si sa che il file era utilizzato nel momento in cui è stata fatta la copia, un errore di verifica non è di solito qualcosa di cui preoccuparsi. Vuole semplicemente dire che il file è cambiato tra il backup e la verifica. Di solito gli errori di verifica che citano offset indicano problemi con il bus di comunicazione. Vedere Problemi SCSI.

Verifica supporti può generare errori quando Retrospect trova che i digest MD5 dei file sul supporto di destinazione non corrispondono ai digest MD5 generati durante la copia dei file dall’origine.

Di solito, questo indica un problema sul supporto di destinazione (ad esempio, il supporto è danneggiato o i dati sono stati scritti su un settore non valido del disco). Controllare eventuali problemi nei supporti del set di backup. Se non è possibile risolvere i problemi, è consigliabile eseguire il backup su un nuovo supporto. File che generano errori durante la verifica dei supporti, per definizione, non corrispondono a quelli nel set di backup di destinazione. Essi saranno quindi copiati sulla destinazione durante il successivo backup.

In alcune circostanze, Retrospect non ha accesso si digest MD5 generati durante il backup. Questo vale per tutti i backup creati con le versioni di Retrospect precedenti Retrospect 16.5 e per tutti i backup che sono stati eseguiti quando la preferenza di Retrospect “Genera digest MD5 durante le operazioni di backup” era disattivata. Per ulteriori informazioni, vedere Preferenze di verifica. In questi casi, Retrospect controlla comunque tutti i file che si trovano nei supporti del set di backup per assicurarsi che siano leggibili.

Timeout richiesta supporto dopo attesa

Questo è il modo in cui il registro delle operazioni riferisce l’errore -1204 (l’utente non ha risposto).

Notifica di fallimento

Retrospect non ha avuto un problema principale a causa di errori o di circostanze normali. Quando questo accade, Retrospect crea un registro degli errori nella cartella di Retrospect chiamata “assert_log.uxt”.

Se si riscontra uno di questi errori, riavviare il computer e provare a ripetere ciò che si faceva quando si è verificato l’errore.

Numeri di errore di Retrospect

Se Retrospect non è in grado di completare un’operazione, visualizza un avviso con un numero di errore. Questa sezione spiega con maggiori dettagli alcuni fra i numeri di errore più comuni.

-102 (difficoltà di comunicazione)

Il computer di backup ha perso il contatto con il dispositivo di backup.

Controllare il bus di comunicazione e il cablaggio del dispositivo, la terminazione e le impostazioni. Vedere Problemi con i dispositivi FireWire e USB e Problemi SCSI.

-107 (memoria applicazione esaurita)

Effettivamente corrisponde all’errore -625.

-203 (fallimento hardware)

Il dispositivo di backup ha problemi a causa di un supporto non valido, di un problema di comunicazioni o di un errore meccanico.

Se l’errore si verifica solo quando si utilizza un particolare supporto, quel supporto è probabilmente danneggiato. Provare a utilizzare un nuovo supporto. Se l’errore si verifica quando si utilizza qualsiasi supporto, è possibile che vi sia un problema con il bus o con il dispositivo di comunicazioni. Provare a spegnere il dispositivo e il computer di backup per due minuti e quindi riaccenderli.

Vedere Problemi con i dispositivi FireWire e USB e Problemi SCSI.

-204 (dispositivo occupato)

Questo errore si verificherà probabilmente se si memorizza il catalogo di un set di backup su dischi su un disco utilizzato come membro di quel set di backup. Tenere il catalogo sul disco rigido.

-205 (accesso perduto al supporto di memorizzazione)

Di solito indica che il bus di comunicazione è stato reimpostato durante un backup, facendo in modo che Retrospect perda il contatto con il supporto.

Di solito questo errore indica un problema nel bus di comunicazione e può essere accompagnato da un errore -102 (problema di comunicazione). Se all’errore -102 si accompagna l’errore -205, vedere Problemi con i dispositivi FireWire e USB e Problemi SCSI.

Se l’errore -102 non si accompagna all’errore -205 e sono stati esclusi i problemi di comunicazione, il passo successivo è di controllare il malfunzionamento del supporto sul volume di origine.

Alcuni dischi rigidi reimpostano il bus quando rilevano un malfunzionamento del supporto. Provare a testare l’unità rigida con il software che è stato originariamente utilizzato per formattarlo.

-206 (l’unità ha segnalato un errore: testine sporche, supporto difettoso, ecc.)

Si verifica un problema nella lettura o nella scrittura del supporto del set di backup. Questo errore è generato sempre dal dispositivo di backup e di solito dipende da una di queste quattro cause.

  • Il supporto è fisicamente difettoso e deve essere sostituito. Provare a utilizzare un altro supporto.
  • Le testine dell’unità a nastro sono sporche e devono essere pulite. Consultare il manuale fornito con l’unità a nastro o contattare il produttore dell’unità per le istruzioni di pulizia.
  • Un altro dispositivo causa un’interferenza. Se si ha un’unità immediatamente accanto a un altro dispositivo elettronico, provare a spostare più in là i dispositivi. Provare a rimuovere uno o più dispositivi per vedere temporaneamente se c’è qualche altro conflitto di dispositivi. Provare a utilizzare il dispositivo di backup su un altro computer per vedere se l’interferenza è causata dal monitor o da altri dispositivi elettronici vicini. Vedere anche Problemi con i dispositivi FireWire e USB e Problemi SCSI.
  • Retrospect può segnalare l’errore -206 anche quando un blocco o un’interruzione dell’alimentazione interrompe il computer o l’unità a nastro di backup. Alcune unità a nastro richiedono un contrassegno di fine dati (EOD) su un nastro per aggiungere dati. Se un nastro non ha un marcatore EOD Retrospect può riportare l’errore -206 quando prova successivamente ad aggiungere dati al nastro. Le unità a nastro sono responsabili della scrittura dei contrassegni EOD, ma è possibile che un’unità non abbia la possibilità di farlo se si spegne o si riavvia il computer di backup o l’alimentazione è interrotta. Essendo privo di EOD, il nastro genererà più avanti l’errore -206 quando si proverà ad aggiungere (scrivere) dati su di esso con Retrospect.

Per evitare problemi, prendere le seguenti precauzioni: non disattivare l’opzione di verifica negli script e nelle operazioni immediate; permettere all’unità a nastro di riavvolgersi completamente o espellere il nastro prima di spegnere o riavviare il computer; se il computer si blocca, provare ad espellere il nastro (utilizzando il pulsante di espulsione dell’unità) prima di riavviare o spegnere il computer.

Quando Retrospect segnala l’errore -206 su un nastro perché è privo di un contrassegno EOD, quel nastro è inutilizzabile per future aggiunte fino a quando non lo si cancella, anche se non è fisicamente danneggiato ed è possibile utilizzarlo per il ripristino. Il nastro non può essere riparato con lo strumento di riparazione di Retrospect. Per utilizzare il nastro per altri backup o archivi, è necessario reimpostare il set di backup del nastro da Configurazione>Set di backup o cancellarlo da Configurazione>Dispositivi.

Quando l’errore persiste su più supporti e si sono eliminate le precedenti possibilità, il dispositivo potrebbe essere guasto. Contattare il fornitore.

-503 (client di backup spento)

Il computer client è stato spento dall’utente prima che l’operazione partisse. Il pannello di controllo client Retrospect si accenderà automaticamente al riavvio del client.

-505 (backup client riservato)

Il client è utilizzato per un altro computer di backup. Un client può essere utilizzato solo da un computer di backup alla volta.

Questo può avvenire anche quando il computer di backup o il computer client si bloccano durante un’operazione. Riavviare entrambi i computer.

-507 (password errata)

Assicurarsi di immettere correttamente la password. La password tiene in considerazione maiuscole e minuscole, quindi è necessario immettere la password con le lettere maiuscole e minuscole corrette. Assicurarsi di immettere la password per il client, non un codice di licenza.

Se non si ricorda la password di un client, è necessario disinstallare il software del client Retrospect, riavviare il computer, quindi reinstallare il software del client con una nuova password.

-508 (accesso terminato)

L’utente del client ha disattivato il pannello di controllo client Retrospect durante l’operazione. Quando questo si verifica, il computer di backup registra l’errore e passa al client successivo.

-515 (violazione protocollo piton)

Retrospect vede che i suoi dati si danneggiano quando vengono trasferiti sulla rete. È di solito causato da un fallimento hardware.

Cercare una caratteristica comune per questi errori. Se il problema si verifica solo su un client, è probabile che ci sia un problema con il connettore di rete del client o con il suo collegamento alla rete. Se il problema accade su numerosi client senza struttura coerente, il problema può essere con la scheda o con il collegamento di rete del computer di backup o con un gateway/router comune a tutte le transazioni di rete. Vedere Tecniche di risoluzione dei problemi di rete per ulteriori informazioni.

-519 (comunicazione di rete fallita)

Il computer di backup e il client hanno cessato di comunicare, una situazione che ha molte cause e soluzioni, come spiegato in seguito.

Un utente chiude un client durante il backup o il client fallisce o è scollegato dalla rete durante un backup. Determinare perché il client fallisce o quale parte del collegamento di comunicazione di rete fallisce (ad esempio, router, bridge, hub o singolo connettore di rete). Vedere il punto successivo per un aiuto nel determinare se il problema è dovuto a un conflitto software.

Un utente utilizza troppe applicazioni sul client durante il backup o un’applicazione solleva la maggior parte della potenza di trattamento del computer. Pianificare i backup per i periodi in cui il client è inattivo.

Un problema nella comunicazione di rete causata da hardware o software rende inattendibili le transazioni. Un connettore di rete difettoso di un client causerà errori su quel client. Determinare se un connettore di rete difettoso causa il problema, provare a cambiare il connettore con quello di un computer vicino che non causa problemi. Vedere Tecniche di risoluzione dei problemi di rete.

Il computer client è bloccato da un disco rigido che presenta dei problemi. Se la spia di lettura sul disco rigido del client rimane accesa e non lampeggia e il client deve essere riavviato prima di funzionare, il client ha un disco rigido in errore o un bug nel firmware o nel software del disco rigido. Per un disco rigido che si blocca, aggiornarne il driver all’ultima versione del suo fornitore. Quindi provare a eseguire un programma di controllo del disco.

Il software di rete è incompatibile con l’hardware di rete. Utilizzare il software di rete più recente che corrisponde all’hardware di rete perché il software più vecchio potrebbe avere problemi.

-525 (conflitto di nome/accesso)

Di solito questo errore viene visualizzato quando un client è stato disinstallato e reinstallato o sostituito da software client non connesso.

Sul computer di backup, andare a Configurazione>Client, selezionare il client che ha il problema, quindi tralasciare il client. Fare clic su Aggiungi per passare alla finestra di rete attiva e aggiungere il client con lo stesso nome. Aggiungere il client agli script.

-527 (il client di backup è stato rinominato)

Un altro amministratore di backup ha rinominato un client da un altro computer di backup. Configurare di nuovo il client per aggiornare il nome nel database dei client.

-530 (client di backup non trovato)

Retrospect non riesce a trovare il computer client sulla rete. Assicurarsi che il computer client sia collegato alla rete e acceso e che non sia stato spento da un software per il risparmio di energia. Se è un computer portatile, assicurarsi che non sia stato “sospeso” o messo in modalità di attesa. (Riavviare un computer Windows sospeso per permettere a Retrospect di vederlo.) Assicurarsi che il client abbia la versione più recente del software client Retrospect e che il software client si carichi all’avvio.

Altrimenti, seguire i suggerimenti forniti per l’errore Servizio client non caricato all’avvio del sistema o Client Retrospect non caricato all’avvio del sistema.

Testare la connessione tra il computer di backup e il client utilizzando Proprietà da Configurazione>Volumi. Se si può collegare al client, Retrospect visualizza la velocità di trasferimento misurata in kilobyte al secondo. Inoltre, provare a eseguire un ping (vedere Eseguire test e ping per verificare la comunicazione TCP/IP).

-540 (servizio che causa un malfunzionamento)

Retrospect non ha potuto accedere correttamente a un client Windows.

-541 (client di backup non installato o non in esecuzione)

Il computer di backup può vedere il computer client all’indirizzo IP ma nessun software client è operativo.

Assicurarsi che il computer client sia collegato alla rete e acceso e che non sia spento dal software per il risparmio energetico. Se è un computer portatile, assicurarsi che non sia stato “sospeso” o messo in modalità di attesa. Riavviarlo e provare nuovamente.

Aprire il pannello di controllo del client Retrospect ed esaminare il campo Stato per cercare un messaggio di errore che indichi perché il software del client non funziona. Può essere necessario reinstallare il software del client.

Se il computer di backup è dotato di più schede Ethernet, questo potrebbe dare origine a un problema. Per ulteriori informazioni, vedere “Troubleshooting multiple Ethernet cards on a Client Retrospect running Windows” nella Knowledgebase Retrospect ( www.retrospect.com/it/knowledgebase) .

- 594 (comunicazione persa con server)

Questo errore si verifica quando la preferenza “Controlla automaticamente gli aggiornamenti disponibili” di Retrospect è abilitata e Retrospect perde il collegamento al server che contiene gli aggiornamenti mentre sta scaricando un aggiornamento.

-625 (memoria non sufficiente)

Non c’è memoria sufficiente disponibile perché Retrospect continui l’operazione. Questo errore si verifica molto spesso quando scandisce volumi e cataloghi.

Retrospect può riferire questo errore quando altre applicazioni utilizzano la maggior parte della memoria o il computer non ha RAM sufficiente installata.

Provare a uscire dalle altre applicazioni, riavviare o aggiungere spazio di scambio per la memoria virtuale per rendere disponibile più memoria per Retrospect. Ripetere l’operazione che ha portato all’errore.

Se l’edizione di Retrospect consente più esecuzioni simultanee, Retrospect, Inc. consiglia i seguenti requisiti:

  • 2 unità di esecuzione, 512 MB di RAM
  • 4 unità di esecuzione, 1 GB di RAM
  • 8 unità di esecuzione, 2 GB di RAM

Se si sta seguendo queste direttive e si rileva ancora l’errore -625, provare a ridurre il numero di unità di esecuzione. Vedere Preferenze generali.

-641 (checksum blocco non corrispondente)

Uno dei file di Retrospect, probabilmente un catalogo, è danneggiato.

Per controllare se un catalogo è danneggiato, configurare un ripristino cercando un nome di file in modo che Retrospect scandisca tutti i file nel catalogo. Se si verifica l’errore, si sa che questo catalogo è danneggiato.

Se l’errore si verifica durante un backup o un’archiviazione, è necessario ricostruire il catalogo (vedere Ricostruzione di un catalogo) della destinazione. Dopo che il catalogo è stato ricostruito, scegliere di nuovo questo set di backup negli script. Se l’errore si verifica quando si lancia Retrospect, vedere Retrospect si blocca durante l’avvio..

- 843 (la risorsa è utilizzata da un’altra operazione)

La risorsa (volume, sottovolume, set di backup, ecc.) a cui si cerca di accedere è attualmente in uso. Ad esempio, questo accade se si cerca di sfogliare l’unità C: mentre si sta eseguendo il backup un sottovolume di C:.

Attendere fino a quando la risorsa richiesta non diventa disponibile e provare di nuovo.

-1004 (errore di backup/ripristino database)

La API del database ha rilevato un errore.

Nel registro delle operazioni, le righe che precedono immediatamente questo errore spiegano specificatamente ciò che l’API ha segnalato a Retrospect.

- 1017 (autorizzazioni insufficienti)

Questo errore indica che Retrospect non è stato in grado di accedere a un volume durante l’operazione di backup.

Questo può avvenire quando si effettua un backup tramite script di un volume, invece di un client Retrospect, su una connessione in rete Microsoft.

Nelle seguenti condizioni, possono verificarsi errori di autorizzazione:

  • Quando è stato creato lo script, si era connessi come utenti X. Al momento del backup si era connessi come utente Y senza essere autorizzati a collegarsi al server di origine.
  • Quando è stato creato lo script, si era connessi come utenti X. Durante il backup non si è connessi.

Questo errore può verificarsi anche quando si esegue il backup a/da unità di rete mappate. Se viene segnalato questo errore durante l’esecuzione degli script che implicano unità di rete mappate, questo accade perché il servizio Retrospect Launcher (il servizio che permette a Retrospect di avviarsi automaticamente) deve essere configurato per accedere alle unità come utente con privilegi appropriati.

Vedere la Knowledgebase Retrospect ( www.retrospect.com/knowledgebase) per informazioni su come evitare gli errori -1017 in tutte queste situazioni.

-1020 (violazione di condivisione)

Non si può accedere al file perché è in uso.

Un’altra applicazione o il sistema operativo potrebbero avere i file aperti, impedendo a Retrospect di accedervi. Uscire dall’applicazione che possiede il file occupato.

È possibile che questo errore sia stato segnalato su file insignificanti ed è possibile ignorarlo.

-1101 (file/directory non trovato)

Retrospect non può trovare un file.

Di solito questo significa che qualcuno ha spostato o cancellato uno o più file e cartelle mentre era in corso un’operazione.

Se questo errore accade perché il file di catalogo di un set di backup è stato spostato e Retrospect si chiede dov’è, utilizzare la finestra di dialogo di selezione file per navigare tra file e cartelle e indicare a Retrospect la nuova ubicazione del catalogo.

Provare a rieseguire il backup. Se questo errore continua a verificarsi, eseguire un programma di controllo del disco per controllare un’eventuale danneggiamento di directory.

-1102 (unità mancante/non disponibile)

Retrospect non può trovare l’unità.

Questo errore si verifica con i sottovolumi quando la cartella viene stata spostata o cancellata.

-1110 (errore di i/o generale)

Si è verificato un problema di supporto in un volume di origine.

Provare a verificare il volume di origine utilizzando un programma di utilità del disco o il programma di formattazione fornito con il disco rigido. Utilizzare ScanDisk su un computer Windows. Su un Macintosh, utilizzare il comando Test di Drive Setup e Disk First Aid.

-1111 (conflitto di intervallo bloccato)

Un file è aperto da un’altra applicazione o servizio, utilizzando un intervallo di blocco, che impedisce a Retrospect di eseguirne il backup.

Provare a interrompere l’applicazione prima che inizi il backup, riprendendolo in seguito. Si consideri di utilizzare la funzione per script esterni di Retrospect (Script esterni) per interrompere e ripristinare automaticamente l’altra applicazione.

-1115 (disco pieno)

Un volume ha poco o nessuno spazio di memoria disponibile.

Vi sono tre cause per questo errore:

  • Si stanno ripristinando o duplicando più file di quelli che possono essere contenuti nel volume di destinazione.
  • Retrospect aggiorna un catalogo dei set di backup e il volume sul quale viene salvato non ha più spazio disponibile.
  • Si sta eseguendo il backup su un set di backup su file e il volume di destinazione sta esaurendo lo spazio libero.

Andare a Esplora risorse e liberare spazio su disco rigido rimuovendo file non necessari e svuotando il cestino. Provare a contrassegnare meno file per il ripristino o la duplicazione o selezionare un volume di destinazione più grande. Utilizzare la compressione di catalogo (vedere La scheda Opzioni) per fare in modo che i cataloghi utilizzino meno spazio.

-1204 (l’utente non ha risposto)

Retrospect non ha potuto trovare un disco o un nastro richiesto prima che trascorresse il timeout di richiesta del supporto.

Disattivare la preferenza di timeout di richiesta supporti (Preferenze di richiesta) in modo che Retrospect attenda a tempo indeterminato i supporti richiesti.

-2241 (catalogo non valido/danneggiato)

Effettivamente corrisponde all’errore -641.

-2247 (istantanea non trovata)

Retrospect non ha potuto trovare l’istantanea richiesta sul supporto. Per ulteriori informazioni, vedere Durante il recupero di una vecchia istantanea dai supporti, Retrospect comunica che non vi sono istantanee disponibili..

-3047 (soglia di inattività disco non incontrata)

È possibile che questo errore appaia quando si utilizza il modulo aggiuntivo Open File Backup. Open File Backup richiede un periodo di inattività sul volume di origine (soglia di inattività del disco) per copiare accuratamente i file aperti. La soglia di inattività del disco è il periodo di tempo in cui Retrospect attende che il disco di origine sia inattivo per procedere con Open File Backup. Quando il valore di soglia è stato raggiunto, Retrospect attende ancora finché non si verifica un timeout di ripetizione. La soglia predefinita è di 5000 millisecondi.

Provare prima a ridurre il valore della soglia. Vedere Opzioni Windows per i file aperti.

Per altri suggerimenti, vedere Suggerimenti per Open File Backup.

Errori del client Retrospect

Quando si esegue il backup dei client, è possibile anche visualizzare un messaggio d’errore sul lato client. Gli errori appaiono nel pannello di controllo del computer client.

Errori del pannello di controllo del client Windows

Quando tutto è impostato normalmente e non si è verificato alcun errore, la scheda Stato del pannello di controllo dovrebbe dire “Pronto” o “In attesa del primo accesso” nel campo Stato. Sotto lo stato si trova l’area del registro con informazioni sull’operazione o sui messaggi di errore più recenti.

Servizio client non caricato all’avvio del sistema

Se lo stato visualizza questo messaggio di errore, esaminare il campo del registro per cercare uno dei messaggi di Errori di avvio del pannello di controllo del client Windows., quindi procedere come indicato.

Ci sono alcune possibili cause (oltre a quelle nella tabella) perché il software client non si carichi all’avvio.

  • I file del software client non sono nella posizione corretta. Il software client deve essere nell’ubicazione specificata durante l’installazione. Riportarlo sul posto o eseguire il programma di installazione per reinstallare il software. Connettersi come amministratore o altro utente con privilegi di accesso completi durante l’installazione.
  • Il servizio del client è stato terminato. Questo è insolito. Potrebbe essere possibile eseguire Retroclient.exe per attivare il servizio ma, non conoscendo la causa della sua interruzione, è consigliabile riavviare il computer client.

Errori nel pannello di controllo del client UNIX

Quando tutto è impostato normalmente e non si è verificato alcun errore, la scheda Stato del pannello di controllo dovrebbe dire “Pronto” o “In attesa del primo accesso” nel campo Stato. Sotto lo stato si trova l’area del registro con informazioni sull’operazione o sui messaggi di errore più recenti.

Errori del pannello di controllo del client Mac OS

Quando tutto è impostato normalmente e non si è verificato alcun errore, il pannello di controllo di Client Retrospect dovrebbe indicare “Ready” o “Waiting for first backup” nel campo Stato. Sotto lo stato si trova l’area del registro con informazioni sull’operazione o sui messaggi di errore più recenti.

Supporto per Retrospect

Retrospect fornisce un accesso integrato a numerose utili risorse. Dal menu Guida (?) di Retrospect, è possibile accedere a:

  • Aggiornamenti di Retrospect. Scegliere questa opzione per controllare la presenza di aggiornamenti gratuiti per la versione corrente di Retrospect nel sito Web di Retrospect. Per ulteriori informazioni, vedere Aggiornamenti di Retrospect.
  • Retrospect, Inc. Sito Web di Retrospect. Retrospect - sede in Internet. Per accedere direttamente al sito Web di Retrospect, andare all’indirizzo www.retrospect.com/it .
  • Knowledgebase in linea. Database organizzato per la ricerca contenente le risposte alle domande più frequenti sui termini relativi a Retrospect, i messaggi d’errore e le tecniche per la risoluzione dei problemi. Per accedere direttamente al Knowledgebase, andare all’indirizzo www.retrospect.com/it/knowledgebase.
  • Dispositivi supportati. Database di compatibilità dell’hardware di backup organizzato per la ricerca, che fornisce informazioni sui dispositivi supportati da Retrospect. Per accedere direttamente alle informazioni sui dispositivi supportati, andare all’indirizzo www.retrospect.com/it/supporteddevices .
  • Retrospect, Inc. Supporto per Retrospect Sezione dedicata al supporto del sito Web di Retrospect. Include collegamenti ai corsi autodidattici, forum per gli utenti, ecc. Per accedere direttamente alla sezione dedicata al supporto, andare all’indirizzo www.retrospect.com/it/support .

Tutte queste risorse sono disponibili gratuitamente e forniscono un aiuto per risolvere i problemi in modo rapido ed efficace, consentendo un utilizzo ottimale di Retrospect.

Se si riscontrano problemi che non sono risolvibili con queste risorse, il Supporto Tecnico di Retrospect è a disposizione per fornire aiuto. Per ulteriori informazioni sulle opzioni di supporto disponibili, consultare i dati contenuti nella tabella di supporto Retrospect all’indirizzo www.retrospect.com/it/support_matrix .

Per informazioni su come contattare il Supporto Tecnico negli U.S.A., in Canada e negli altri paesi, vedere www.retrospect.com/it/contactsupport .